Tenta il suicidio all’Interporto di Parma

18

Donna salvata da Forze dell’Ordine e Vigilantes Sicuritalia IVRI

PARMA – Tragedia sfiorata all’Interporto di Parma.

Ieri sera, intorno alle 23, una donna di età superiore ai 50 anni, con accento straniero, presumibilmente arabo, ha tentato di gettarsi contro ogni mezzo, anche pesante, che transitava tra le barriere della banchina.

Notando la pericolosità dell’evento, una guardia giurata Sicuritalia IVRI interveniva prontamente per fermare la donna, bloccando il transito dei mezzi e allertando i Carabinieri e le altre pattuglie di vigilantes.

In quei minuti la donna ha continuato a correre velocemente contro i mezzi, affatto intimorita dalla pioggia battente, costringendo la guardia giurata Sicuritalia IVRI a puntare ripetutamente la torcia sul suo viso, per farla retrocedere e assicurare la sicurezza sua e dei mezzi fermi.

I Carabinieri hanno poi preso il controllo della situazione, scongiurando il peggio e ripristinando, poco dopo mezzanotte, il normale transito nell’Interporto. 

Il gruppo Sicuritalia IVRI

  • è il leader in Italia nel settore della sicurezza, con 650 milioni di Euro di ricavi e 15.000 dipendenti;
  • attraverso sette divisioni: Vigilanza Privata, Trasporto Valori, Servizi Fiduciari, Sistemi di Sicurezza, Investigazioni, Travel Security, Cyber Security, offre una gamma di prodotti e servizi che rispondono in maniera integrata alla domanda di sicurezza espressa dal mercato, coniugando l’utilizzo di tecnologie, uomini ed ICT, per garantire la sicurezza dei propri clienti;
  • ha più di 100.000 clienti, fra i quali, oltre a tanti privati e piccole aziende, annovera la maggior parte delle principali grandi aziende operanti in Italia nei settori industriale, bancario, commerciale e pubblico (Intesa SanPaolo, Unicredit, Carrefour, Esselunga, TIM, Vodafone, Leonardo, Fincantieri, Eni, Enel, …).