Stagione di teatro scuola “Salt’in Banco” 2020/2021- 41° edizione

20

PIACENZA – Il teatro a Piacenza non rinuncia a confrontarsi con il mondo delle giovani generazioni nell’inedita condizione di vita scolastica che caratterizzerà il 2020/2021, per dare un suo contributo al ritorno dei ragazzi a una nuova possibile “normalità”. E così Teatro Gioco Vita propone la Rassegna di Teatro Scuola “Salt’in Banco”, alla sua 41° edizione, in una veste che da una parte conferma la qualità artistica e progettuale consolidata negli anni e dall’altra si caratterizza per una grande “elasticità” e “adattabilità” ai contesti e alle esigenze più diverse. Un programma ricco e articolato, per gli spazi teatrali o luoghi alternativi anche individuati dalle scuole stesse. Non solo spettacoli ma anche letture, animazioni, attività educational. Nel rispetto di tutte le prescrizioni vigenti in termini di distanziamento e misure di sicurezza.

Proposta dal Centro di produzione teatrale diretto da Diego Maj con Fondazione Teatri di Piacenza e il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano e Iren, la Rassegna “Salt’in Banco” è curata da Simona Rossi, responsabile progetti teatro ragazzi, teatro scuola e formazione di Teatro Gioco Vita.

Tre sono le sezioni proposte nella Stagione 2020/2021:
SALT’IN BANCO in teatro
SALT’IN BANCO a scuola
SALT’IN BANCO laboratori, incontri e progetti formativi
Proposte per tutte le fasce d’età, dai nidi d’infanzia fino alle scuole superiori. L’attività organizzativa fa capo all’Ufficio scuola e formazione di Teatro Gioco Vita, che vede al lavoro insieme a Simona Rossi (responsabile), Emma-Chiara Perotti (prenotazioni e rapporti con le scuole), Francesca Panese (biglietteria) e Alex Rubin Silmo (assistente di sala).
Le Stagioni di Teatro Gioco Vita sono organizzate con il contributo di MIBACT e Regione Emilia-Romagna.

SALT’IN BANCO in teatro
Tra novembre e dicembre una carrellata delle creazioni di Teatro Gioco Vita al Teatro Filodrammatici: “Annibale” memorie di un elefante (9, 10 e 11 novembre, per bambini da 6 a 11 anni), la nuova produzione “Sonia e Alfredo” un posto dove stare dall’opera di Catherine Pineur, regia e scene di Fabrizio Montecchi (16, 17 e 18 novembre, da 4 a 8 anni), “Moun” portata dalla schiuma e dalle onde (23, 24 e 25 novembre, da 5 a 10 anni), “Io e Niente” dal niente si può fare tutto (30 novembre, 1 e 2 dicembre, per bambini dai 5 ai 10 anni), “Il più furbo” disavventure di un incorreggibile lupo (9, 10 e 11 dicembre, da 3 a 7 anni), “Il burbero Scrooge” lettura/spettacolo da Charles Dickens (14, 15 e 16 dicembre, per le scuole primarie), “Natale in giallo” lettura/spettacolo da classici del giallo d’autore (14, 15 e 16 dicembre, per le scuole secondarie di 1° grado).
I posti saranno ovviamente limitati e gli spettacoli si svolgeranno nel rispetto delle prescrizioni in termini di distanziamento e misure di sicurezza.
Due particolari progetti artistici caratterizzano questo periodo. Uno fa capo alla compagnia di ombre, “Figure di Figure”: un progetto dal libro illustrato al teatro che si articolerà tra spettacoli, letture, giochi corporei, animazioni, conferenze a partire dal mondo immaginario di Kitty Crowther, Mario Ramos, Rascal, Catherine Pineur. Un progetto che Teatro Gioco Vita propone alle scuole primarie e scuole dell’infanzia: interventi di lettura, giochi corporei, animazioni nelle scuole, spettacoli in teatro per piccoli gruppi. A questi si aggiungeranno fine settimana dedicati alle famiglie con spettacoli e laboratori a partire dall’opera di questi importanti autori e illustratori per l’infanzia.
Il secondo progetto fa capo a Nicola Cavallari ed è concepito come “Speciale dicembre” in collegamento al periodo del Natale: letture/spettacolo per le scuole primarie e secondarie di 1° grado in tema natalizio. In teatro e, per chi lo richiede, anche a scuola.
Le compagnie ospiti saranno calendarizzate nel 2021 e gli spettacoli sono principalmente quelli che erano programmati quest’anno dalla fine di febbraio in poi e che sono stati annullati per l’emergenza coronavirus. Potremo vedere “La storia di Pierino e il lupo” di Tib Teatro (per bambini da 4 a 10 anni); “Pescatori di stelle” del Teatro del Buratto (pubblico da 4 a 9 anni), “Pinocchio” di Accademia Perduta/Romagna Teatri (da 3 a 8 anni); “InRete” de La Baracca-Testoni Ragazzi (per ragazzi da 11 a 15 anni), (“Buono come il lupo” di Giallo Mare Minimal Teatro con I Sacchi di Sabbia (per le scuole primarie). L’Asina sull’Isola presenterà “Al Signor Rodari” con i disegni di Emanuele Luzzati (pubblico da 3 a 8 anni), riproposto in questa stagione per la concomitanza di due anniversari: nel 2020 il Centenario dalla nascita di Gianni Rodari e nel 2021 il Centenario dalla nascita di Luzzati. Per gli studenti delle scuole superiori tornano I Sacchi di Sabbia con uno spettacolo che per Piacenza è una novità: “Andromaca” da Euripide.
Sul fronte delle produzioni di Teatro Gioco Vita, nel 2021 vedremo “Ranocchio” dall’opera di Max Velthuijs (per i piccoli dei nidi e delle scuole dell’infanzia); la nuova creazione “Il piccolo Re dei Fiori” fiaba per musica, ombre e danza da Kveta Pacovska, una creazione di Valerio Longo e Fabrizio Montecchi coprodotta con il Balletto di Roma; “Circoluna” l’unico circoteatro d’ombre al mondo (per i nidi e le scuole dell’infanzia), “Il cielo degli orsi” dall’opera di Dolf Verroen e Wolf Erlbruch (da 3 a 8 anni). Rivedremo anche “Io e Niente”, “Moun”, “Il più furbo” e “Sonia e Alfredo”. Tra i titoli in cartellone, altri particolari progetti produttivi che fanno capo a Teatro Gioco Vita: “Don Giovanni in carne e legno” da Molière con Tap Ensemble (per le scuole superiori); “Canto la storia dell’astuto Ulisse” con Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa e Compagnia del sole (per ragazzi dagli 8 ai 16 anni). Sarà riproposta la conferenza/spettacolo “Un rap contro il bullismo” con Michael Bernardoni, in arte MEiD (pubblico dai 10 anni in su). Gli spettacoli si terranno al Teatro Filodrammatici e al Teatro Gioia. Unico appuntamento al Teatro Municipale per le scuole secondarie di 1° grado e superiori con la produzione di Teatro Gioco Vita “L’uccello di fuoco”, fiaba per musica, ombre e danza da “L’oiseau de feu” di Igor Stravinsky e le figure di Enrico Baj (per tutti, da 10 anni). Alle scuole primarie, secondarie di primo grado e superiori è proposto da Teatro Gioco Vita anche un percorso animato nello Spazio Luzzati, a cura di Nicoletta Garioni e Agnese Meroni, con laboratorio finale.

SALT’IN BANCO a scuola
Una serie di letture animate, laboratori/spettacolo e lezioni/spettacolo che si possono tenere nelle classi, nelle scuole, in spazi non teatrali o all’aperto per uno o più gruppi. La proposta è nata per rispondere alle esigenze organizzative del mondo scolastico che riparte con l’attività didattica in presenza dopo i mesi della didattica a distanza dovuta all’emergenza coronavirus.
Teatro Gioco Vita è tra i fondatori dell’animazione teatrale, esperienza che lo ha portato a incontrare tra gli altri Mario Lodi, Gianni Rodari, Loris Malaguzzi, Bruno Munari, il Movimento di Cooperazione Educativa, Lele Luzzati.
«Nel proporre “SALT’IN BANCO a scuola” – spiega Diego Maj – in un certo senso ci sembra di ritornare alle nostre radici, quando uscivamo dai teatri per andare a incontrare i ragazzi nelle classi, per stabilire con loro un nuovo rapporto stimolando con l’uso dei più diversi linguaggi espressivi la loro fantasia e la loro creatività. A distanza di cinquant’anni, con modalità certamente diverse, riprendiamo quell’esperienza, con i suoi valori, il suo entusiasmo, il suo coraggio. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno, grandi e piccoli, per riprendere in mano la nostra vita – fatta anche di scuola e di teatro – dopo i mesi bui che abbiamo vissuto in questo 2020».
Tra le proposte, a cura di Nicola Cavallari una serie di letture/spettacolo: “Zuppa di sasso” e “Un topolino per amico” (per le scuole dell’infanzia); “Pazze fiabe” con i racconti “Zuppa di sasso” e “La grande fabbrica delle parole” (per i bambini da 5 a 7 anni); “Ulisse” (per ragazzi da 8 a 10 anni) e “Foresta, radice, labirinto” (per un pubblico da 8 a 11 anni), racconti animati liberamente ispirati rispettivamente a Piumini e Calvino; “Una lepre con la faccia da bambina” sull’incidente di Seveso (per ragazzi da 11 a 14 anni), “Lella – Una ballata sul femminicidio” (per le scuole superiori). Una serie di lezioni/spettacolo saranno dedicate da Cavallari a Shakespeare (“William Shakespeare, la vita e le opere”) e Goldoni (“Carlo Goldoni, la vita e le opere”) per gli studenti delle superiori, a Omero (“Odissea”) per gli studenti delle secondarie di 1° grado e per il biennio delle superiori.
Nell’ambito del progetto “Figure di Figure” la compagnia di teatro d’ombre proporrà le “Incontri – la voce e la figura” e “Io e niente – la voce e la figura” letture e giochi ad alta voce a cura di Letizia Bravi/Valeria Barreca/Tiziano Ferrari per bambini dai 6 ai 10 anni e i laboratori/spettacolo di gioco corporeo “Oh! Ma sei…tu! – il corpo e la figura” e “Un mare che si muove – il corpo e la figura” a cura di Deniz Azhar Azari e Andrea Coppone per le scuole dell’infanzia e le primarie.
Per il progetto “Speciale dicembre” Nicola Cavallari presenterà le letture/spettacolo “Il burbero Scrooge” da Charles Dickens per le primarie e “Natale in giallo” da classici del giallo d’autore per le secondarie di 1° grado.
Altri progetti sono curati da MEID / Michael Bernardoni (“Un rap contro il bullismo” per ragazzi da 10 anni) e dal gruppo teatrale InOmbra (“La famosa invasione degli orsi in Sicilia” per bambini da 8 a 10 anni).
Nello svolgimento di tutte queste attività ovviamente gli operatori di Teatro Gioco Vita si atterranno scrupolosamente a tutte le prescrizioni in termini di distanziamento e misure di sicurezza e al rispetto dei protocolli delle singole scuole.

SALT’IN BANCO laboratori, incontri e progetti formativi
Articolata è la proposta di laboratori e percorsi di formazione, perché “Salt’in Banco”, com’è consuetudine, non si limita al cartellone di spettacoli e rappresentazioni teatrali. I percorsi, che fanno capo al progetto “InFormazione Teatrale”, sono proposti in collaborazione con l’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita e il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano. Alcuni laboratori sono progettati e realizzati dalla compagnia di teatro d’ombre di Teatro Gioco Vita e sono curati da Nicoletta Garioni e Agnese Meroni. Ci sono progetti di carattere intensivo: “Tutti i colori dell’ombra”, una giornata di laboratorio sull’ombra che può essere spesa su una sola classe o su più classi per tutta la durata dell’orario scolastico (per le scuole dell’infanzia e primarie); “Una giornata a teatro”, all’Officina delle Ombre con gli artisti di Teatro Gioco Vita (due i percorsi: “Piccoli incontri con l’ombra” per le scuole primarie e “Il mestiere del teatro” per le scuole secondarie di 1° grado e superiori). Nell’ambito del progetto “Figure di Figure” dal libro illustrato al teatro, la serie di laboratori “Figura di Figura” sull’animazione ed elaborazione visiva: “Dal niente si può fare tutto” e “Animiamo le figure” per le scuole dell’infanzia e primarie, “Figure di carta” per le primarie.
L’attore e regista Nicola Cavallari riproporrà il laboratorio teatrale intensivo “Tutti sul palco!”, una mattinata di giochi teatrali (per le scuole primarie e secondarie di 1° grado) e il progetto “A teatro, ragazzi!”, un percorso alla scoperta del teatro “dietro le quinte” (per le scuole primarie). Lavorerà poi con alcune classi di scuola superiore o gruppi di studenti con le quali realizzerà altrettanti laboratori di teatro, con esiti finali aperti al pubblico.
Tra gli altri progetti proposti alle scuole, ricordiamo: “Conoscere il teatro”, incontri di introduzione ai linguaggi della scena (articolati in tre sezioni: “Il gioco del teatro” per le scuole primarie e secondarie di primo grado, “Scoprire il teatro”, secondo livello per le scuole primarie e secondarie di primo grado e “L’arte del teatro” per le scuole superiori); “Tutti a teatro”, incontri di presentazione sui contenuti della Stagione di Prosa e incontri propedeutici o di approfondimento sugli spettacoli della Stagione di Prosa (scuole superiori); “Teatrando”, incontri propedeutici o di approfondimento sugli spettacoli della Rassegna di Teatro Scuola “Salt’in Banco” (per le scuole primarie e secondarie di 1° grado). E ancora, “Lo spazio del teatro”, visita guidata ai luoghi di spettacolo a cura dell’Ufficio Scuola di Teatro Gioco Vita, e “SOS Teatro”, consulenze artistiche su progetti teatrali scolastici che potranno essere fornite, su richiesta dei docenti, da Nicola Cavallari e Nicoletta Garioni.
Saranno comunicati in un secondo tempo eventuali altri percorsi collegati alla visione di spettacoli della Stagione di Prosa del Teatro Municipale.
Anche nello svolgimento dei laboratori e degli incontri gli operatori di Teatro Gioco Vita si atterranno scrupolosamente a tutte le prescrizioni in termini di distanziamento e misure di sicurezza e al rispetto dei protocolli delle singole scuole.
Per tutte le attività di “Salt’in banco” la prenotazione è obbligatoria e deve pervenire all’Ufficio Scuola di Teatro Gioco Vita, telefono 0523.315578, fax 0523.338428, e-mail scuola@teatrogiocovita.it.