Sport e solidarietà. “Ripartire dopo il Covid, storie di sport”

50

Cena sotto le stelle di piazza Maggiore a Bologna a sostegno degli operatori sanitari dell’Emilia-Romagna. Il 2 settembre, con i racconti più emozionanti dello sport e dei suoi protagonisti. Promossa da Regione e Comune la serata di beneficienza vedrà 400 persone a tavola nella piazza cuore della città, nel pieno rispetto delle regole di sicurezza. Il ricavato andrà agli ospedali di Bologna

BOLOGNA – L’Emilia-Romagna riparte. Bologna riparte. Lo fa dalla sua gente e dal luogo simbolo della città, in Piazza Maggiore, con una serata che guarda al futuro con ottimismo, ma che non può e non vuole dimenticare i recenti tempi duri che hanno messo alla prova il mondo intero. È su queste basi che si fonda l’idea di celebrare i medici e gli infermieri che hanno aiutato la comunità dell’intera Emilia-Romagna durante la fase più intensa e difficile della pandemia di Covid-19.

È così che il 2 settembre si svolgerà la serata “Ripartire dopo il Covid, storie di sport”, organizzata dal Comune di Bologna e dalla Regione Emilia-Romagna, con la collaborazione di Master Group Sport. Quattrocento persone, nel pieno rispetto delle normative di prevenzione dal contagio Covid-19, parteciperanno alla cena di beneficenza sotto le stelle di Piazza Maggiore, il cui ricavato sarà devoluto agli ospedali di Bologna come ringraziamento per l’impegno dei camici bianchi durante l’emergenza.

L’evento prevede l’allestimento di un palco sul quale la madrina della serata Laura Barriales introdurrà volti noti della televisione e dello sport italiano per dare vita a racconti unici ed emozionanti che, insieme alle  incursioni del comico ed imitatore Gianfranco Butinar, intratterranno il pubblico durante la cena.

Ogni storia avrà i suoi protagonisti sul palco: insieme ai più noti conduttori di Sky Sport, Matteo Marani, Stefano Meloccaro, Cristiana Buonamano, e Alessandro Mamoli, si affiancheranno i grandi nomi dello sport come Adriano Panatta e Nicola Pietrangeli che ricorderanno l’epico scontro 50 anni dopo la partita, avvenuta proprio presso il Circolo Tennis Bologna, che segnò il passaggio di testimone dei due tennisti più titolati della storia del tennis nostrano. Spazio poi allo sport simbolo del capoluogo emiliano, con la pallacanestro che da sempre appassiona la Basket City d’Italia dei tifosi di Virtus e Fortitudo, e al calcio con la testimonianza di Arrigo Sacchi e la presenza di due dirigenti del calcio Emiliano-Romagnolo Giovanni Carnevali, AD Sassuolo Calcio e Claudio Fenucci, AD Bologna.

Si racconteranno sul palco anche le eccellenze del territorio, dalla gastronomia, protagonista indiscussa del capoluogo emiliano, alle storie imprenditoriali come quella di Philip Morris che ha creduto e investito sul territorio bolognese, anche sostenendo iniziative nei confronti degli ospedali e dell’Asl di Bologna durante l’emergenza Covid19.

La serata sarà l’occasione per celebrare i veri protagonisti di questa iniziativa. Una rappresentanza del personale sanitario della Regione Emilia-Romagna sarà infatti chiamata sul palco a raccogliere il ringraziamento del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e del sindaco di Bologna, Virginio Merola, a nome di tutta la cittadinanza emiliano-romagnola.

Per gli ospiti della serata un menù all’insegna della tradizione gastronomica bolognese, ideato dallo chef Max Poggi in collaborazione con i ristoratori Vincenzo Cappelletti (Cantina Bentivoglio), Paolo Carati (Al Caminetto d’oro), Alberto Bettini (Amerigo 1934), Daniele Minarelli (Osteria Bottega), Piero Pompili (Il Cambio) e con lo chef Stefano Bianchi (Dettagli Catering). Il dessert sarà a cura del Maestro Pasticcere Gino Fabbri.  La cena sarà servita ai tavoli da Dettagli Catering, divisione banqueting di Camst Group.

Organizzata da Comune di Bologna e Regione Emilia-Romagna, “Ripartire dopo il Covid, storie di sport” ha il supporto di: Alleanza delle Cooperative, Ascom, Cia, CNA, Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato, Confesercenti, Unindustria Emilia, Philip Morris e Consorzio Vini Colli Bolognesi.