Sport Center Parma fa squadra con l’atleta paralimpica Veronica Frosi

30

PARMA – Sport Center Parma Polisportiva SSD fa squadra con Veronica Frosi, l’atleta paralimpica vice-campionessa italiana di crono nell’handbike e la più giovane handbiker in Europa.

La 19enne parmigiana farà la preparazione a terra e in acqua affiancata dallo staff dello Sport Center intraprendendo un percorso di accompagnamento verso la fase di qualificazione a Tokyo 2021.

“Questa collaborazione nasce dallo spirito di squadra. Ci tengo a ringraziare i nostri nuotatori Master che, davanti alla possibilità di fare una donazione legata al progetto Master on Tour, ci hanno indicato ad un’unanimità, come ambito d’azione, lo sport disabile. – commenta Renato Baladelli, presidente Sport Center Parma Polisportiva -. Da qui, ci siamo rivolti all’Anmic, grande associazione, la più autorevole in questo ambito, per capire come muoverci. Ci hanno dato vari consigli, tra cui quello di conoscere Veronica. Ci siamo incontrati un paio di volte per capire come sostenerla concretamente e di comune accordo abbiamo scelto di metterle a disposizione il nostro know-how. Sport Center diventerà il punto di riferimento sportivo per Veronica nella sua città; il nostro staff la affiancherà nella sua attività di atleta attraverso un percorso non solo di preparazione ma anche di benessere con un programma a terra e in acqua”.

“Veronica è una testimonial perfetta per il mondo dello sport, perché è una ragazza esemplare, impegnata nello sport, nello studio e nel volontariato – spiega Walter Antonini, presidente di Anmic Parma -. Siamo molto felici che una struttura importante come lo Sport Center investa sui giovani e sullo sport paralimpico, cogliendone appieno la forza e le opportunità che offre”.

Studentessa universitaria al 1° anno di “Comunicazione e media contemporanei per le industrie creative” e volontaria della Croce Rossa Italiana – sezione di Parma, Veronica è salita per la prima volta in handbike nel 2017 quando è stata scelta da Alex Zanardi per entrare a far parte di Obiettivo 3 e dell’ASD AMNIL Sport.

“Sono molto felice e onorata di aver trovato sul territorio una realtà molto organizzata e sensibile come Sport Center che mi sostenga nel mio cammino sportivo con il sogno di Tokyo 2021 – racconta Veronica Frosi -. Le prime due settimane sono state davvero impegnative perché arrivavo da una situazione di fermo di tanti mesi, per ovvi motivi legati al COVID-19, e quindi riprendere praticamente da zero è stata molto dura. Oggi questa nuova collaborazione mi ha dato una carica incredibile e sono certa che a breve anche dal punto di vista fisico sarò al top. Arrivare al centro per allenarmi in un contesto di persone che sono li per fare sport, chi con obiettivi più o meno agonistici, è fantastico per me che sono da sempre abituata a prepararmi da sola. Spero anche di poter entrare in acqua con la squadra dei Master per dimostrargli quanto il loro sostegno mi abbia spronato a migliorarmi non solo nella mia attività sportiva principale. Ringrazio tutti coloro che hanno creduto e che credono in me.”

“Veronica ci dice spesso che aver scoperto l’handbike le ha cambiato la vita: per noi che lavoriamo in questo progetto è la medaglia più importante. – dice Pierino Dainese, direttore sportivo di Obiettivo3 e presidente di Anmil Sport Italia -. Obiettivo3 mette a disposizione l’handibike, il materiale tecnico e l’organizzazione, ma soprattutto una possibilità di riscatto per questi ragazzi che troppo spesso devono superare gli ostacoli che questa società mette sulla loro strada. Veronica, grazie all’handbike, ha preso coscienza dei propri mezzi e ora è pronta a sbocciare, come persona e come atleta”.

Dal 2017 la vita della giovane atleta parmigiana è cambiata: Campionessa Italiana di Crono nel 2018 e Vicecampionessa nel 2019, oggi detiene il record di essere la più giovane partecipante al Giro d’Italia Handbike e la più giovane handbiker a livello europeo.

Veronica il 31 Ottobre, alle ore 15:00, scenderà in pista all’ impianto Ciclistico “G. Ghidini’ di Fognano (PR) per correre la Venicemarathon Virtual Race, al fine di sostenere la raccolta fondi promossa dalla Rete del Dono a favore di Obiettivo 3. Chi vuole sostenere la raccolta fondi della Rete del Dono può farlo sul sito https://www.venicemarathon.it/it/charity.

SPORT CENTER PARMA POLISPORTIVA SSD ar.l Nasce il 9 maggio 2017 e gestisce il Centro Sportivo Ercole Negri per conto di Progetto Campus srl. che ha la concessione dal Comune fino al 2040. E’ un’associazione, riconosciuta, senza fini di lucro, che si occupa di diverse discipline sportive di acqua (Nuoto, Pallanuoto e Nuoto Sincronizzato) e di terra (Gym, Fitness live e virtuale, Cardio, Funzionale e Pesistica). Ad oggi la società conta oltre 1.400 tesserati tra settore agonistico e scuola nuoto e oltre 4.000 tesserati alle attività terra e acqua.

MASTER ON TOUR Si tratta di un progetto promosso da Sport Center Parma nella stagione 2019/2020 con l’obiettivo di raccogliere 2€ per ogni km percorso dai nuotatori della squadra Master durante le gare in piscina e in acque libere. I nuotatori Master testimoniano i loro km tramite una bandiera che portano con sè ad ogni gara. Il Master on Tour è ripartito anche nella stagione 2020/2021.

ANMIC PARMA La storia della sezione di Parma dell’Anmic (Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili) nasce nel 1956, anno della sua fondazione, subito dopo la costituzione dell’Associazione a livello nazionale. L’Anmic ha la tutela e la rappresentanza delle persone con disabilità, che supporta nei loro interessi morali e materiali. Opera senza fini di lucro per l’esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà e nel 1978 è stata riconosciuta Ente Morale dello Stato (D.P.R. 23/12/1978).

La sezione provinciale di Parma conta oltre 3 mila associati con disabilità fisica, sensoriale, intellettiva e relazionale e la sua attività di tutela e rappresentanza si estende a tutte le necessità della persona disabile e delle loro famiglie.

OBIETTIVO 3 L’associazione è nata con l’intento di sostenere le persone con disabilità che desiderano intraprendere un’attività sportiva mettendo a disposizione la competenza e il supporto di preparatori professionisti ma anche un aiuto concreto ed economico per garantire gli ausili per fare sport. L’ambizione ultima ma non meno importante è la selezione di tre atleti da portare alle Paralimpiadi di Tokyo 2021.

ANMIL L’Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro è nata nel 1943 ed è attualmente riconosciuta come un ente morale con personalità giuridica di diritto privato, cui è affidata la tutela e la rappresentanza delle vittime di infortuni sul lavoro, delle vedove e degli orfani dei caduti (Dpr 31 marzo 1979). L’ANMIL assiste e tutela la categoria promuovendo iniziative tese a migliorare la legislazione in materia di infortuni sul lavoro e di reinserimento lavorativo.

ANMIL SPORT È una Associazione Sportiva Dilettantistica costituita per favorire tra le persone con disabilità, e in particolare coloro che sono rimaste vittime di infortuni sul lavoro, la diffusione di pratiche sportive quale fattore di promozione umana e di reinserimento sociale, tenuto conto dei benefici fisici e psicologici che queste comportano. Le principali attività di ANMIL SPORT Italia sono: inserimento e avviamento allo sport, organizzazione e promozione di gare, competizioni, tornei, campionati, ricerche e seminari, manifestazioni a carattere dimostrativo.