Categorie: Attualità Emilia RomagnaPiacenza

Il sindaco Patrizia Barbieri: “Questa tegola mette a repentaglio alcuni importanti servizi ai cittadini”

PIACENZA – “Sono profondamente rammaricata per il coinvolgimento di una cinquantina di dipendenti comunali in un’inchiesta legata a presunti comportamenti illeciti durante l’orario di lavoro. Ciò non significa però che l’Amministrazione comunale, che soltanto da ieri ho l’onore di guidare, si tiri indietro per quanto concerne i compiti da svolgere e i servizi ai cittadini, ma questa pesante tegola arrivata proprio nel giorno del mio insediamento mette a repentaglio alcuni importanti servizi al cittadino, come ad esempio il Servizio manutenzione e strade. In pochi giorni è accaduto l’impensabile”.

Così si esprime Patrizia Barbieri, dal pomeriggio di mercoledì 28 giugno ufficialmente primo cittadino di Piacenza, che prosegue: “Chi ha sbagliato deve pagare e per questo attendiamo fiduciosi che la giustizia faccia il suo corso. Definirmi dispiaciuta è poco, perché è bene sottolineare che i dipendenti comunali dovrebbero per primi avere la consapevolezza del proprio ruolo e del rispetto nei confronti della collettività.

Al tempo stesso, so che ci sono tanti dipendenti che svolgono il loro lavoro con professionalità, serietà e dedizione che si sentono feriti e traditi dai loro colleghi, soprattutto dopo avere visto le immagini e il comportamento degli indagati. Ed è proprio su questi dipendenti che l’Amministrazione comunale conta per ripartire e garantire efficienza e trasparenza, anche se quel che si è verificato è gravissimo, soprattutto per un’Amministrazione che muove i primi passi”.

“Io per prima – conclude il neo sindaco – intendo dare l’esempio, mettendomi a disposizione della cittadinanza il più possibile. Così dovrà fare anche la maggior parte del personale, che non è mai stato coinvolto in casi di degrado e di corruzione. Sin d’ora posso dire che saranno comunque intensificati i controlli su tutti i dipendenti e, qualora si rendesse necessario, verrebbero adottati dall’Amministrazione comunale i provvedimenti disciplinari previsti dalla legge, senza guardare in faccia a nessuno.

E’ anche vero che siamo all’inizio di un percorso e c’è tutto il tempo per tirar fuori il meglio da chi ha voglia di lavorare. I fannulloni devono andare a casa e non dobbiamo permettere che le mele marce intacchino quelle buone. Quel che è accaduto ha messo in cattiva luce non solo la categoria dei pubblici dipendenti, ma ha anche danneggiato l’immagine della città e ciò è gravissimo”.

Condividi
Pubblicato da
Roberto Di Biase

Articoli recenti

Al Mic Faenza arriva “Superfici d’autore 2018”

Dal 21 settembre al 7 ottobre in mostra le linee realizzate da sei marchi noti della produzione di superfici in…

6 minuti passati

Vivi il verde a Villa Saffi – Domenica 23 settembre

FORLÌ - A Villa Saffi, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio promosse dal Consiglio d'Europa, un'intera giornata dedicata al…

2 ore passati

Unibo. l’invecchiamento influisce sulla percezione delle paure

Le persone anziane hanno più difficoltà a valutare i segnali di pericolo rispetto al contesto in cui si trovano, tendendo…

2 ore passati

Da giovedì 20 settembre in funzione il nuovo impianto per l’accesso al parcheggio di Largo Nigrisoli

BOLOGNA - Da giovedì 20 settembre all’entrata del parcheggio di Largo Bartolo Nigrisoli, 103 posti auto davanti all’ingresso dell’Ospedale Maggiore…

3 ore passati

‘Fotoromanzi senza lacrime, fra arte ed eroine mascherate’

Giovedì 20 settembre alle 17 incontro nella sala Agnelli della biblioteca comunale Ariostea (via delle Scienze 17, Ferrara) FERRARA -…

7 ore passati

Modifiche alla circolazione per la manifestazione ‘L’Europa a Ferrara’

Provvedimenti in vigore dalle 15 del 20 settembre alle 6 del 24 FERRARA - Per permettere lo svolgimento della manifestazione…

7 ore passati

L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Archivio news - Privacy Policy - Cookie Policy

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice