Sicurezza: reati in calo nel territorio cesenate

Il Sindaco ringrazia le forze dell’ordine ma ribadisce la necessità di rafforzare i loro organici

comune-cesenaCESENA – L’impegno delle forze dell’ordine per garantire la sicurezza ha fatto sì che anche nel 2017 si sia registrato un calo dei reati nel nostro territorio, confermando una tendenza già registrata negli anni precedenti. A indicarlo, il rapporto sulla criminalità pubblicato oggi dal Sole 24 Ore.

Alla luce di questi risultati, il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi ha scritto al Prefetto di Forlì-Cesena Fulvio Rocco de Marinis, alla Questora di Forlì-Cesena Loretta Bignardi e al Comandante Provinciale dei Carabinieri di Forlì-Cesena Fabio Coppolino per ringraziare, tramite loro, le donne e gli uomini che operano per la tutela dei cesenati e per ricordare i grandi sforzi che sia le forze dell’ordine che il Comune stanno mettendo in atto per dotare il territorio delle infrastrutture e degli strumenti tecnologici più idonei (dalle nuove sedi di Carabinieri e Polizia alla rete di videosorveglianza) e così favorire il contrasto all’illegalità e lo svolgimento delle indagini.

Ma anche in questa occasione, il Sindaco ribadisce la necessità di rafforzare la presenza delle forze dell’ordine a Cesena, anticipando la volontà di tornare a rivolgersi al Ministero dell’Interno per sollecitare il rafforzamento degli organici sia della Polizia che dei Carabinieri.

Di seguito il testo della lettera inviata dal Sindaco.

“Gentilissimi,

il rapporto sulla criminalità pubblicato oggi da “Il Sole 24 Ore”, che fotografa il totale dei delitti denunciati nel 2017, ci dice come nella Provincia di Forlì-Cesena si conferma la tendenza che vede i reati in calo, anche se di poco (-1% che, in termini assoluti, corrisponde a poco più di 4 mila denunce ogni 100 mila abitanti). Una tendenza che, come sappiamo, è iniziata già da qualche anno: il raffronto fra le denunce per reati del 2016 con quelli del 2015 mostrava un significativo –14,3%, con un -36% relativo ai furti in abitazione.

So bene come questi dati vadano letti con attenzione e senso di realtà, evitando inutili entusiasmi e mantenendo invece lo stesso spirito collaborativo e pragmatico che ci ha caratterizzati quando gli stessi erano ben più negativi. Ma, allo stesso tempo, è giusto che questi risultati non siano sottaciuti, dandone pieno merito innanzitutto al grande lavoro sul territorio svolto, spesso silenziosamente, da parte di Polizia e Carabinieri. A loro deve andare in primis il ringraziamento dei cesenati e mio.

Dal canto nostro, come Comune, dopo la sottoscrizione del protocollo sulla videosorveglianza avvenuta nei giorni scorsi, che sta diventando un esempio nazionale di collaborazione virtuosa pubblico-privato sul tema della sicurezza, siamo ora nelle condizioni di estendere il più possibile il controllo elettronico del territorio, rafforzando la capacità di risposta delle forze dell’ordine e favorendo la prevenzione di crimini. Ciò perché sarà possibile far dialogare i sistemi di videosorveglianza installati dai privati con la nuova centrale operativa della nostra Polizia Municipale.

Ora, in questo quadro, per un ulteriore ed importante salto di qualità nella lotta alla criminalità serve un ulteriore, fondamentale, tassello: più donne ed uomini di Polizia e Carabinieri direttamente impegnati sulle nostre strade. Le forze dell’ordine, i dati lo confermano, stanno infatti facendo tutto quanto è possibile, e spesso anche qualcosa di più, per raggiungere e mantenere questi risultati. Ma noi tutti sappiamo che prevenzione e repressione del crimine anche a Cesena potrebbero essere caratterizzati da risultati ancora migliori, se solo si potesse incrementare il controllo diretto del territorio.

Per questo motivo, nelle scorse settimane, ho chiesto insistentemente al Ministro dell’Interno, Sen. Matteo Salvini, di aumentare l’organico del nostro Commissariato di Polizia, approfittando del fatto che abbiamo la fortuna di ospitare nella nostra città il CAPS (Centro Addestramento Polizia di Stato), che proprio quest’anno ha ripreso a formare ed addestrare centinaia di nuovi poliziotti. Allo stesso modo, non appena sarà pronta la nuova Caserma dei Carabinieri in questo momento in costruzione nella zona Montefiore (nella primavera del 2019), chiederò al Ministro della Difesa di aumentare l’organico delle Forze dell’Arma presenti in città, così come previsto dall’avvio del progetto.

L’auspicio, per garantire una sempre maggiore sicurezza al nostro territorio, è che in entrambi i casi giungano risposte positive. Sono certo che anche voi, nell’ambito delle responsabilità che ricoprite al servizio del nostro territorio, condividerete questa scelta di affiancamento del vostro sforzo da parte dell’Amministrazione comunale di Cesena.

Un cordiale saluto.

Il Sindaco

Paolo Lucchi”