Si ferma la corsa dei rossoblu. Troppa Pineto

57
Ph. Andrea Iommarini

BOLOGNA – Abba Pineto – Geetit Bologna 3-0 (25-18, 29-27, 25-17)

Abba Pineto: Giuliani (L), Calonico 1, Merlo 7, Bongiorno 2, Basso 4, Pesare (L2), Milan 13, Paris 2, Bragatto, Omaggi 4, Baldari 3, Link 10, Fioretti 4, Mignano 5.

Geetit Bologna: Ballan 1, Donati 1, Brunetti (L), Guerrini 3, Govoni 1, Lugli 14, Lusetti, Orazi 5, Maletti 6, Vinti 2, Oliva, Grottoli 4, N.e: Gabrielli.

Si chiude al Pala Volley S. Maria la stagione 2022-23 della Geetit Pallavolo Bologna. Ieri, domenica 16 Aprile, in occasione della gara di ritorno degli ottavi di finale dei playoff promozione in serie A2, l’Abba Pineto stacca il pass per i quarti di finale segnando la conclusione del percorso petroniano.

Stagione positiva per la squadra delle due torri che mette nel palmares il primo storico accesso ai playoff. A testimonianza delle qualità dei rossoblu l’ottima prestazione nel secondo set che sottolinea il carattere della formazione guidata da Marzola.

Nel primo set la qualità offensiva di Pineto ha la meglio su Govoni e compagni. Nel secondo parziale, Bologna dimostra le sua qualità tecniche al servizio come a muro e si porta in largo vantaggio. Nonostante il recupero di Pineto la Geetit gioca ad alta intensità anche ai vantaggio prima di arrendersi alla fisicità dei teramani.

Calata la tensione, la terza frazione di gioco segna la chiusura del percorso rossoblu.

Marzola schiera Govoni in regia con Lugli opposto, Vinti e Maletti gli schiacciatori, Orazi e Grottoli i centrali con Brunetti libero

Tomasello risponde con Paris e Link nella diagonale principale, Milan – Merlo e Bragatto – Basso rispettivamente in posto quattro e al centro, Giuliani libero.

Il match parte subito caldo con i laterali di entrambe le formazioni molto precisi in attacco: 3-3. Si procede punto a punto fino al 6-6 con Bologna cinica nella fase difensiva. Un’invasione dei rossoblu concede a Pineto il punto della prima azione lunga del match che, unita al muro di Link, vale il primo +2 dei padroni di casa sul 8-6. È proprio l’opposto svedese a trascinare i suoi al largo: 12-8. Merlo firma il primo ace del match sul 13-9 e costringe Marzola al primo timeout. Al rientro Lugli lo premia prima con un muro e poi al servizio: 13-12. Non basta ancora: Milan riapre il varco 15-12. Mentre Bologna è fallosa al servizio Paris, nel fondamentale, regala in breakpoint del 20-12. Marzola cambia Vinti con Guerrini e Grottoli, a muro, trova il cambio palla. Link sale in cattedra e porta i suoi sul 22-15. Milan mette a terra il setpoint del 24-17 che concretizza egli stesso nel 25-18.

Il secondo set si apre a fotocopia del primo con le formazioni che si rincorrono punto a punto: 4-4. Orazi rispetta le indicazioni di Marzola e trova l’ace del +2 sul 4-6. Il servizio premia la formazione rossoblu che si porta avanti 6-9 costringendo Tomasello al suo primo discrezionale. Pressione al servizio e buon sistema muro-difesa premiano i felsinei che allugano 8-12. Orazi scalda i suoi con il monster block del 9-14, due errori petroniani accorciano il gap ma è ancora il muro il fondamentale della Geetit: 11-15. Tomasello inserisce Baldari per Merlo ma i rossoblu salgono in cattedra con un’ottima prestazione al servizio come nel sistema muro-difesa e costringono il tecnico teramano a chiamare il secondo timeout sul 13-19. Bologna commette troppi errori diretti a differenza di Pineto che con Basso al servizio accorcia 17-20. Marzola chiama a sua volta i suoi alla panchina ma al rientro il copione si ripete fino al 19-20. Lugli trova il cambio palla sul 19-21, la pressione a muro e un malinteso nel campo dell’Abba valgono nuovamente il +3: 19-22. Nonostante l’errore di Bologna e il tentativo di Link, Orazi a muro centra il setpoint sul 22-24. Baldari prima in attacco, poi a muro pareggi i conti sul 24-24. Il faccia a faccia dei vantaggi prosegue fino al 29-27: un attacco di Milan e un errore di Bologna consegnano a Pineto il passaggio del turno.

Nella terza frazione di gioco Tomasello cambia completamente il sestetto e Bongiorno al servizio firma il primo largo vantaggio del parziale 6-2. Il turno al servizio di Merlo e quello di Calonico poi segnano il black out della Geetit: 11-4. Marzola interrompe il gioco e sostituisce Grottoli con Ballan: non basta per arginare la formazione di casa che mantiene il largo: 14-7. Sul 16-9 la panchina rossoblu cambia anche la diagonale principale inserendo Lusetti e Donati. Il turno al servizio di Guerrini, condito da un muro di Vinti, accorcia le distanze fino al 16-13 costringendo Tomasello al timeout. Il servizio di Merlo e la buona prestazione di Fioretti in attacco riaprono le distanze: 20-15. L’ace di Mignano vale il 24-17, poi Omaggi chiude set e match 25-17, 3-0.