San Clemente, “Mi sono vaccinato contro il Covid -19 meno di 48 ore fa”

29

Mariano Guiducci, medico di famiglia e Assessore alle Politiche Sociali a San Clemente, è una delle 180mila figure professionali della sanità che la Regione Emilia-Romagna sta provvedendo a vaccinare contro il Covid-19

SAN CLEMENTE (RN) -Mariano Guiducci, medico di famiglia molto conosciuto ed apprezzato, già Sindaco e Vicesindaco del Comune di San Clemente e oggi Assessore alle Politiche Sociali, è una delle 180mila figure professionali della sanità regionale che l’Emilia-Romagna sta vaccinando, in questa prima fase, contro il Covid-19.

Dottor Guiducci, perché è importante vaccinarsi?

“In quanto medico è un obbligo morale. Occorre dare il buon esempio a tutta la cittadinanza, così da proteggere se stessi e gli altri in quanto venendo ogni giorno a contatto con centinaia di pazienti o persone malate vi è il rischio concreto di contagiarsi e contagiare. Inoltre, se come credo fortemente, il vaccino unirà il suo effetto neutralizzante all’effetto sterilizzante ciò contribuirà in maniera determinante alla distruzione del virus e quindi ad interrompere la catena della trasmissione virale. L’obiettivo di fondo è arrivare in tempi certi alla cosiddetta immunità di gregge”.

Lei riveste anche un altro ruolo importante all’interno della comunità: oggi è Assessore alle Politiche Sociali ma ha già ricoperto la carica di Sindaco e Vicesindaco e quindi conosce molto bene tutta la realtà sanclementese. Possiamo dunque parlare di un alto esempio di solidarietà?

“Sì, come amministratore il vaccinarsi è il più alto esempio di solidarietà in termini concreti, in quanto solo con un gesto di grande senso civico e con la collaborazione di tutti, ad iniziare dal sottoscritto, si potrà sconfiggere il virus. Ho fatto il vaccino circa 48 ore fa”.

Che cosa risponde a quanti negano i progressi della scienza e si rifiutano fin da ora di sottoporsi alla vaccinazione?

“La scienza ci farà uscire dall’incubo mentre l’ignoranza e il pregiudizio ci faranno precipitare in un baratro di cui ancora non abbiamo contezza ma sarà sicuramente devastante”.