Russi, campagna sperimentale per la lotta alle zanzare

22

Parte il progetto pilota per la gestione del rischio di diffusione delle infezioni/malattie trasmesse principalmente dalle zanzare

RUSSI (RA) – L’Amministrazione Comunale di Russi, in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna, l’Istituto Zooprofilattico sperimentale e la Rete Italiana Città Sane OMS, nell’ambito di un progetto finanziato dal Ministero della Salute, ha deciso di avviare azioni mirate per la lotta alla zanzara tigre, oltre al consueto trattamento di tombini e caditoie su area pubblica.

Negli ultimi anni si è verificato un generale incremento della diffusione delle infezioni/malattie trasmesse da vettori (arbovirosi), principalmente zanzare, e del loro impatto sulla salute di uomini e animali e relative attività economiche.

Russi ha deciso quindi di intraprendere una campagna sperimentale con diverse azioni progettuali, che prevedono l’applicazione di un protocollo di attività innovative di lotta integrata e/o biologica alle zanzare. Il nostro Comune attiverà una serie di azioni integrate, mirate ad implementare una lotta ai vettori di malattie, in particolare zanzara tigre, con modalità prive di rischi sanitari e di ricadute ambientali negative.

In sintonia con gli indirizzi gestionali della Rete Italiana Città Sane-OMS, infatti, nei prossimi mesi si effettueranno misure di lotta biologica, monitoraggio quantitativo ed iniziative educative volte ad incrementare il ruolo di collaborazione attiva dei cittadini.

In particolare oltre all’ordinaria attività di lotta larvicida nella tombinatura pubblica, si prevedono azioni mirate come:

  • INTERVENTO PORTA a PORTA (PaP) nel territorio di Godo e San Pancrazio, che consiste in un intervento casa per casa condotto a partire dal 12 aprile, a mezzo del quale i tecnici incaricati provvederanno a trattare con prodotti specifici tutte le raccolte d’acqua non eliminabili (tombini e simili) e a rimuovere o mettere in sicurezza tutte le altre possibili fonti di infestazione;
  • LOTTA LARVICIDA NELLA TOMBINATURA PUBBLICA mediante prodotti microbiologici. Si prevedono 7 turni di intervento nel corso della stagione cadenzati ogni 3 settimane nel periodo Aprile-Settembre;
  • IMMISSIONE DI PICCOLI PREDATORI NATURALI (copepodi ciclopoidi) NEI BIDONI DEGLI ORTI. Si stimano 200 bidoni da trattare ad inizio stagione con 50-100 Copepodi ciascuno;
  • DISTRIBUZIONE GRATUITA DI UNA DOTAZIONE DI PRODOTTO LARVICIDA sia presso le abitazioni private interessate dal trattamento PaP e sia presso il banchetto informativo che sarà allestito in piazza nei giorni del mercato settimanale a partire da metà aprile, per coprire i turni di trattamento fino al termine della stagione;
  • Attività di MONITORAGGIO tramite ovitrappole CAA14GG (le stesse utilizzate nel monitoraggio regionale). Si prevede l’attivazione di 15 ovitrappole;
  • Educazione ambientale per i ragazzi e le ragazze durante il periodo dei centri estivi.

Prevista anche una valutazione iniziale e finale (sui risultati ottenuti) che si svolgerà attraverso  questionari online.