Ripartono a Sasso Marconi i “Progetti del Cuore” in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e la Pubblica Assistenza

51

Si rinnova l’accordo con il Comune di Sasso Marconi che riceverà in dotazione un Fiat Doblò destinato al trasporto delle persone diversamente abili, bambini e anziani

FOTO CONFERENZA STAMPA COMUNE SASSO MARCONI

SASSO MARCONI (BO) – Arriva nuovamente a Sasso Marconi il supporto de “I Progetti del Cuore”, volto a sostenere la popolazione che si trova in difficoltà. Si rinnova l’accordo con il Comune di Sasso Marconi che riceverà in dotazione, per la seconda volta, un Fiat Doblò attrezzato in comodato d’uso gratuito per il trasporto di bambini, anziani e persone diversamente abili. La conferenza stampa per la presentazione del progetto si è tenuta mercoledì 9 febbraio presso la sede del Comune di Sasso Marconi, in Piazza Martiri della Liberazione 6, con la presenza delle istituzioni e gli esponenti di vertice della Pubblica Assistenza. Qui è stato evidenziato l’impegno de “I Progetti del cuore” a rendere ancora disponibile per la comunità un mezzo attrezzato e gestito in maniera integrale: dall’allestimento per il trasporto dei diversamente abili, alla gestione delle spese (come, ad esempio, l’assicurazione compresa di copertura kasko).

Con il rinnovo dell’accordo, sarà soprattutto la Pubblica Assistenza di Sasso Marconi a beneficiare del mezzo che servirà per assistere anziani, diversamente abili e persone con difficoltà che saranno accompagnate negli hub vaccinali, nei centri di cure specifici e in ospedali, a seconda della loro necessità. Serve a coprire la zona di Sasso Marconi e dei comuni limitrofi, come Marzabotto ad esempio dove c’è un centro vaccinale dislocato. “Il mezzo è stato messo a disposizione inizialmente per tutte le associazioni presenti sul territorio – spiega il Vicesindaco di Sasso Marconi, Luciano Russo – soprattutto nel periodo pre-covid, quando è stato utilizzato per la consegna di alimenti e pasti alle famiglie più bisognose del territorio. Qui abbiamo diverse realtà impegnate nel sociale: ci sono tre Caritas e due associazioni di volontariato una è quella che porta il nome ‘Emiliani’ e l’altra si chiama ‘Brutti ma buoni’, da tempo impegnate a raccogliere alimenti attraverso la collaborazione di importanti di supermercati come Coop e Conad o vari discount che confezionano scorte di alimenti consegnati settimanalmente a cittadini che vivono in stato di necessità. Nella fase iniziale della pandemia – aggiunge Russo – da gennaio 2020 in avanti, la Pubblica Assistenza ha cominciato ad avanzare richieste manifestando il bisogno di un mezzo di trasporto per persone con difficoltà motoria, per assisterli nelle loro necessità quotidiane: come accompagnarli presso i centri vaccinali che piano piano sono stati costruiti o negli ospedali. Il Comune le ha dato in uso questo mezzo per un certo periodo, ma purtroppo il bisogno è ancora impellente e noi siamo felici di poter offrire sostegno a chi ha necessità. Questo mezzo attrezzato è utile soprattutto per quelle persone che hanno difficoltà deambulatorie, ma ne possono beneficiare tutti, indipendentemente dalla fascia d’età, per andare negli ospedali o nelle case di riposo, raggiungere i centri ricreativi o per sostenere le visite mediche. Tutto quello che rientra nella categoria del trasporto socio-sanitario viene coperto, compatibilmente alle nostre possibilità”.

A sostenere il progetto anche Annalisa Minetti, testimonial de “I progetti del cuore” che ha presentato l’iniziativa. “La mia esperienza personale mi ha resa particolarmente sensibile verso chi ha bisogno. Con questa iniziativa si cerca di migliorare la vita dei cittadini diversamente abili. Quello che mi ha spinto verso “I Progetti del Cuore” è senz’altro la vocazione di iniziative come questa. Voler contribuire a risolvere il problema, sempre più stringente per l’Amministrazione pubblica e per le associazioni di volontariato, della destinazione di fondi per l’acquisto di mezzi da trasformare e adibire al trasporto dei cittadini con disabilità o ridotta capacità motoria”.

Sarà proprio grazie alla partecipazione della attività locali che potrà essere garantita l’esistenza di questo un servizio, che corrisponde ad una necessità imprescindibile sul territorio. Le aziende potranno trasferire sul proprio marchio il valore aggiunto di questo nobile servizio, ricevendo in cambio un sicuro riconoscimento da parte della comunità. Proprio in questi giorni la società incaricata “Progetti del Cuore Società Benefit srl” si occuperà di informare i titolari della attività economiche sulle caratteristiche dell’iniziativa.