Categorie: EventiRimini

“Rimini in maschera. Il Carnevale tra Otto e Novecento”

Sabato 30 gennaio alle 17 la presentazione del volume di Manlio Masini

RIMINI – La sfilata dei carri mascherati per il corso cittadino, la “gara dei moccoletti”, la “corsa degli asini”, i concerti, le tombole, le lotterie, i fuochi d’artificio, le luminarie, i burattini e i premi dati alle maschere più originali e ai balconi maggiormente illuminati. E poi i grandi veglioni del Vittorio Emanuele; le nottate danzanti nei circoli cittadini, nelle sale pubbliche, nelle case private. Tutta la svariata tipologia dei festeggiamenti in voga a Rimini nel periodo di Carnevale fino alla prima guerra mondiale è raccontata nel volume di Manlio Masini “Rimini in maschera. Il Carnevale tra Otto e Novecento” (edito da Pazzini), che sarà presentato sabato 30 gennaio alle ore 17 alla Sala del Giudizio del Museo della Città (via Tonini 1). Alla presentazione, che sarà impreziosita da coreografie a tema e con i costumi di Lady Camelot (Rimini), interverranno il sindaco Andrea Gnassi, lo storico Giovanni Rimondini e il giornalista della Rai Giorgio Tonelli.

Il volume ricostruisce, con la complicità dei vecchi periodici locali, il clima di leggerezza del Carnevale riminese fino all’arrivo della prima catastrofe mondiale. Uno spaccato di storia originale ricco di particolari curiosi e intriganti mai venuti alla luce fino ad ora. Una ricerca minuziosa, che coglie ed esalta lo spirito del tempo frugando tra le piacevolezze e le stramberie del periodo più scanzonato e irriverente dell’anno.

Manlio Masini, giornalista e studioso di storia locale, è direttore responsabile di “Ariminum”, periodico di arte, storia e cultura della provincia di Rimini. Tanti i volumi che ha pubblicato e tra questi: L’estate in camicia nera. Rimini nelle cronache del ventennio, Maggioli, 1989; Credere, obbedire, ballare! La notte a Rimini nell’estate fascista, Guaraldi, 1994; Dall’Arco al Kursaal. Fatti e personaggi della cronaca riminese tra Ottocento e Novecento, Il Ponte, 1994; Rimini, a noi! E al settimo giorno la città vestiva la camicia nera, Chiamami Città, 1998; Dall’Internazionale a Giovinezza, Riccione 1919-1929, Panozzo, 2009; Ballando tra le macerie. Rimini negli anni Quaranta tra avventurieri e segnorine. Panozzo 2011.

Condividi
Pubblicato da
Relazione

Articoli recenti

Le commissioni di domani a Palazzo d’Accursio

BOLOGNA - Mercoledì 19 settembre, nella sala Renzo Imbeni di Palazzo d'Accursio, sono in programma tre sedute di commissione. Alle…

1 ora passati

Il cordoglio del sindaco Patrizia Barbieri per la scomparsa di Gian Luigi Boiardi

PIACENZA - Tra i primi ad esprimere il proprio sconcerto per la prematura scomparsa dell’ex presidente della Provincia Gian Luigi…

1 ora passati

Be Here! Bologna Estate 2018 gli appuntamenti di mercoledì 19 settembre

BOLOGNA - Gli appuntamenti di Bologna Estate continuano in città e nell’area metropolitana con spettacoli, concerti, dibattiti e visite guidate.…

1 ora passati

Scuola, agevolazioni buono mensa: pubblicato il bando

Le richieste entro il 15 ottobre 2018. I documenti necessari presso l'Urp, l'Ufficio Servizi Sociali, nei plessi scolastici di Cattolica…

4 ore passati

Vaccini e antibiotici: ecco cosa ne pensano gli studenti

Indagine dell’Università di Parma sulla percezione del rischio PARMA – I vaccini possono prevenire il cancro? Somministrare più vaccini nella…

4 ore passati

Inaugurazione della nuova Scuola primaria “Giacomo Matteotti”

FORLÌ - Martedì 18 settembre 2018 alle ore 8.30, si è svolta l'inaugurazione della nuova Scuola primaria "Giacomo Matteotti", in…

4 ore passati

L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Archivio news - Privacy Policy - Cookie Policy

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice