Rimini: in arrivo dal PNRR 5,6 milioni per la messa in sicurezza del territorio provinciale e della costa romagnola

8

provincia di Rimini logoRIMINI – Oltre 5,6 milioni di euro per la messa in sicurezza del territorio della Provincia di Rimini e della costa romagnola in arrivo grazie al via libera al piano della Regione Emilia-Romagna da parte del Dipartimento nazionale di protezione civile.

L’Emilia-Romagna beneficerà complessivamente di 61 milioni di euro dal PNRR con la realizzazione di 19 macro-interventi per mettere in sicurezza fiumi, versanti e costa in territori colpiti da eventi meteorologici particolarmente intensi, per i quali dal 2013 è stato dichiarato lo stato di emergenza nazionale.

“Per la Provincia di Rimini – spiega il presidente Riziero Santi – si tratta di opere di miglioramento dell’assetto idraulico dei corsi d’acqua finalizzate alla riduzione del rischio idraulico per un importo di 700 mila euro. Saranno realizzati interventi nei bacini dei fiumi Marecchia e Uso, che necessitano una riduzione del rischio con il miglioramento dell’assetto idraulico e delle condizioni di deflusso in piena. Poi ci sono gli interventi di mitigazione e consolidamento dei movimenti franosi per 1,8 milioni di euro, con interventi nell’ambito degli abitati dichiarati da consolidare e caratterizzati da una forte predisposizione al dissesto, determinata dalle condizioni geologiche e geomorfologiche dei versanti, che necessitano di interventi per prevenire e mitigare il rischio idrogeologico. Infine, i nuovi interventi per la costa romagnola per implementazione e manutenzione straordinaria delle opere di difesa costiera e di mitigazione del rischio da erosione e ingressione marina per oltre 3,1 milioni di euro. Risorse quanto mai necessarie per la messa in sicurezza del nostro territorio, che ritengo una nostra priorità assoluta, con cui sarà possibile affrontare le maggiori criticità che hanno provocato le ondate di maltempo degli ultimi anni. Ringrazio il Governo e la nostra Regione che ha svolto un lavoro eccellente.”