Riccione Terme. Terme aperte e in sicurezza, tutti i servizi proseguono regolarmente

33

RICCIONE (RN) – Riccione Terme è aperto, nel pieno rispetto di quanto previsto nel DPCM del 24 ottobre prosegue regolarmente nell’erogazione dei servizi.

Il nostro centro termale è da sempre Presidio Sanitario ed eroga prestazioni rientranti nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA).

Sono attivi tutti i servizi tra cui: Visite mediche, Cure termali, Fanghi, Bagni, Cure Inalatorie, Cure per la Sordità Rinogena, Cure per Vasculopatie, Piscine Termali, è attivo Fisia, il centro di riabilitazione fisioterapia, e il Poliambulatorio con le visite specialistiche.

Riccione Terme garantisce la sicurezza di tutti i servizi attraverso l’applicazione del protocollo “Terme Sicure” varato dalla Fondazione per la Ricerca Scientifica Termale (FoRST) in accordo con le ordinanze e le linee guida regionali e nazionali. Le nostre procedure sono scrupolose e finalizzate alla tutela della salute dei nostri ospiti e dei nostri collaboratori con l’applicazione di rigidi protocolli che consentono la fruizione delle cure in sicurezza e tranquillità.

Riccione Terme, Centro Termale classificato 1° Livello Super, è convenzionato con il Sistema Sanitario Nazionale e INAIL, da sempre, e soprattutto in questo momento così particolare, è a servizio della collettività per la prevenzione e la cura della salute. Le nostre acque termali sulfuree salsobromoiodiche e magnesiache sono un farmaco naturale riconosciuto dal Ministero della Salute per le sue molteplici proprietà, tra le quali le attività antinfiammatoria e di modulazione e stimolazione del Sistema Immunitario. La nostra équipe di medici specialisti e di operatori qualificati si prende cura degli ospiti durante tutto il ciclo di trattamenti, è sempre garantita la costante presenza del personale medico.
Roberta Piccioni
Presidente Riccione Terme

La dichiarazione rilasciata dal presidente Federterme/Confindustria Massimo Caputi.
Federterme: grazie a Conte, Speranza e Bonaccini. Le terme continuano ad operare
“Conte, Speranza e Bonaccini hanno compreso, in un momento drammatico per il Paese, l’importanza del sistema termale italiano. Nel nuovo dpcm si autorizza espressamente il mantenimento in attività dei centri termali e i loro alberghi dotati di presidio sanitario. Le terme italiane, autorizzate dal Ministero della Salute e dalle Regioni, sono punto di eccellenza e sicurezza al servizio della comunità è ancora più necessarie in epoca Covid e post Covid. Il protocollo ‘Terme Sicure’ ha garantito assenza di contagio.”

Il Presidente del Circuito Termale dell’Emilia Romagna – Lino Gilioli – dichiara:
“Le Terme dell’Emilia Romagna sono da sempre presidi sanitari a difesa della salute in virtù della qualità delle acque termali, della qualificazione del personale e dell’assetto organizzativo che vede nella presenza continua dei medici un punto di forza delle proprie attività. Il DPCM riconferma e rafforza, pur in questa difficile situazione, l’attività di tutti i nostri centri termali. Terme aperte e in sicurezza.”