Riccione Terme riapre l’8 maggio

30
Marta Menghini Natascia Montebelli Roberta Piccioni Daniela Angelini Loretta Maioli Christian Andruccioli

RICCIONE (RN) – “Sono soddisfatta dei risultati prodotti dal tavolo di confronto per Riccione Terme: lo stabilimento riaprirà il prossimo otto maggio, questa è una meravigliosa notizia per Riccione – dice la sindaca Daniela Angelini -. Tutti i dipendenti a tempo indeterminato potranno così tornare a lavorare, e lo faranno da subito anche diversi stagionali, augurandoci che in breve tempo, se le cose andranno come tutti speriamo, possano essere riassorbiti tutti. Sono molto contenta dell’importante segnale dato dagli azionisti di Riccione Terme”, che hanno deliberato un finanziamento in conto futuro aumento di capitale adeguato alle necessità attuali dell’azienda. “Ciò ha consentito la riapertura dello stabilimento e ora stanno cercando nuovi partner per rilanciare la struttura con un nuovo piano industriale”.

La sindaca Daniela Angelini, insieme all’assessore all’Urbanistica Christian Andruccioli, il 21 aprile ha riunito nella Sala di rappresentanza del Comune di Riccione la proprietà di Riccione Terme (la presidente del Cda Roberta Piccioni insieme all’avvocato Simone Cantarini), le rappresentanze sindacali (Alessandro Fabbri della  Filcams Cgil) e dei lavoratori dello stabilimento (la responsabile del personale Marta Menghini e le dipendenti Natascia Montebelli e Loretta Maioli).

“Sono state settimane difficili – riferisce la prima cittadina – ma devo dire che sia la proprietà che i dipendenti hanno manifestato in ogni momento di avere totalmente a cuore questo patrimonio fondamentale della città che è lo stabilimento di Riccione Terme. Oggi tiriamo un sospiro di sollievo e insieme a noi lo possono fare tanti operatori perché Riccione Terme contribuisce enormemente alla nostra economia turistica. Le prenotazioni stanno già arrivando a numeri molto significativi per cui non possiamo che essere ottimisti”.

Il riconoscimento per il ruolo svolto dall’amministrazione

L’amministrazione comunale ha svolto un ruolo importante nel fare ripartire il dialogo tra le parti, soprattutto nel momento in cui era diventato più complicato. “Ora questo dialogo deve proseguire nell’interesse di tutti – aggiunge la sindaca -: lavoratori, proprietà, che ringrazio entrambi per la collaborazione dimostrata, e l’intera città di Riccione. Ognuno naturalmente continuerà a fare la sua parte e a rappresentare i propri interessi, come legittimo, ma possiamo chiudere questo tavolo di confronto con la consapevolezza che tutti gli attori intervenuti hanno lavorato per un unico obiettivo: riaprire Riccione Terme. Adesso lo stesso spirito costruttivo dovrà accompagnare il rilancio dell’intero comparto. Garantisco che l’amministrazione comunale continuerà a fare la propria parte”.