Regione: Cinema. Alla Mostra di Venezia la presentazione del Comitato per le celebrazioni del Centenario della nascita di Federico Fellini (1920-2020)

Il regista Paolo Virzì firma il logo. L’assessore Mezzetti: “Istituzioni pubbliche e private insieme per onorare e rinnovare il mito di un regista che ha fatto la storia del cinema, testimone della creatività della nostra regione nel mondo”

BOLOGNA – Tutti uniti per onorare e rinnovare il mito universalmente riconosciuto di un regista tra i più amati della storia del cinema: Federico Fellini. A Venezia, nell’ambito della Mostra del Cinema, presso il Padiglione Italiano dell’Hotel Excelsior, è stato presentato il Comitato che ha il compito di coordinare le iniziative per le celebrazioni del Centenario della nascita del grande Maestro, Federico Fellini.

Il protocollo, che sancisce l’intesa, vede coinvolti assieme alla Regione Emilia-Romagna il Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione generale per il Cinema, il M.A.E.C.I. Direzione generale per la Promozione del Sistema Paese, il Comune di Rimini, la Fondazione Cineteca di Bologna, l’Istituto Luce/Cinecittà, la Cineteca nazionale/Centro sperimentale di Cinematografia e la Fondazione Maria Adriana Prolo/ Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Su input della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Rimini, a 100 anni dalla nascita del grande cineasta riminese nel 2020, i soggetti firmatari hanno condiviso la necessità di collaborare al fine di coordinare un programma qualificato di iniziative per la conoscenza e la divulgazione dell’opera di Federico Fellini, anche allo scopo di assicurare la massima diffusione e promozione degli eventi previsti.

“E’ un piacere poter annunciare la nascita del Comitato per le celebrazioni del centenario della nascita di Federico Fellini, proprio nell’ambito della Mostra del Cinema– ha affermato l’assessore alla Cultura della Regione Emilia-Romagna, Massimo Mezzettiuno dei festival più prestigiosi al mondo. La figura del grande Maestro, punto di riferimento per generazioni di registi e creativi, merita una vetrina internazionale, come del resto le iniziative che verranno messe in campo per celebrarlo in questa occasione. E’ importante sottolineare l’impegno di tutti i soggetti pubblici ma anche quello dei privati, che si concretizzeranno in una serie di iniziative, coordinate dal Comitato, che potranno restituire alla collettività il restauro dei suoi film, anche grazie all’esperienza della Cineteca di Bologna e al nostro sostegno, mettendo in luce il racconto di un personaggio e della sua creatività attraverso film, anche di nuova produzione, mostre, spettacoli, concerti e una nuova edizione del Libro dei sogni. L’Emilia-Romagna è fiera di aver dato i natali a un regista che, attraverso i suoi film, è riuscito a portare alla ribalta personaggi tanto universali quanto profondamente legati al territorio. Un’opera che lo rende, tra l’altro, testimone della creatività della nostra regione nel mondo”.

Durante l’incontro è stato presentato alla stampa e ai presenti il logo del Centenario, elaborato sulla base di un disegno originale del regista Paolo Virzì. L’interpretazione del regista livornese, che riprende una delle foto più celebri di Fellini scattata sul set di “8 e mezzo” da Tazio Secchiaroli, mette in rilievo il ruolo di domatore (di personaggi, di fantasmi, di ossessioni) del regista, iconizzandolo alla stregua di quel ‘dispotico organizzatore di sogni’ dal sapore circense che più volte ricorre nelle sue opere. Paolo Virzì, impegnato a Venezia nella Giuria che assegnerà il Leone d’Oro, ha partecipato con un contributo video alla presentazione del Comitato.

Sono stati illustrati inoltre i contenuti del Protocollo e le prime attività già promosse dal Comitato e dai suoi componenti. Tra le iniziative si evidenziano l’apertura a Rimini, entro la fine del 2020, del Museo Internazionale Federico Fellini; l’allestimento di una mostra da parte del Comune di Rimini sul Maestro entro la fine dell’anno; l’organizzazione con il Dipartimento di Scienze per la qualità della vita dell’Università di Bologna, di un convegno internazionale a Rimini dedicato al “Libro dei sogni”.

Per quanto riguarda i suoi film si sta completando il restauro dell’intera opera, a cura della Fondazione Cineteca di Bologna, della Cineteca Nazionale/Centro sperimentale di Cinematografia e dell’Istituto Luce/Cinecittà.

La Direzione generale Cinema del MiBAC, propone un progetto speciale per la promozione e diffusione dell’opera di Federico Fellini in Italia e all’estero, accanto all’azione del Piano nazionale Cinema per la scuola per la diffusione e divulgazione delle opere presso le scuole italiane in collaborazione con il MIUR.

Le azioni della Regione Emilia-Romagna si concentrano sulla collaborazione con la rete mondiale delle Rappresentanze diplomatiche e culturali, sulle opere prodotte con il Fondo regionale per l’Audiovisivo e la collaborazione della Film Commission regionale, oltre alla promozione di itinerari culturali e turistici, tra cui quello felliniano realizzato in collaborazione con la Cineteca di Bologna e il Comune di Rimini.

La Fondazione Prolo-Museo Nazionale del Cinema valorizzerà ulteriormente le collezioni felliniane nel percorso espositivo della Mole Antonelliana e, in collaborazione con Rizzoli Editore, si occuperà della cura editoriale della nuova edizione del “Libro dei Sogni”.

Compito del Comitato è anche promuovere un calendario articolato e qualificato delle celebrazioni che sarà composto sia dalle iniziative e dalle manifestazioni realizzate dai soggetti firmatari, sia da altri soggetti pubblici e privati ritenuti interessanti, tali da ottenere il logo delle celebrazioni.

Il Comitato d’Onore è presieduto dal Ministro dei Beni Culturali, dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Presidente della Regione Emilia-Romagna e dal Sindaco del Comune di Rimini.

Il Comitato tecnico organizzativo è coordinato dal Direttore generale della Direzione generale Cinema del MiBAC ed è composto da uno o più dirigenti o funzionari dei soggetti firmatari del protocollo, individuati e invitati di volta in volta a partecipare agli incontri del Comitato in considerazione delle loro competenze specifiche.

Foto 1: Foto Venezia ridotta
Foto 2: logo Fellini 100