Reggio Emilia, Protezione civile in lutto per la morte di Giorgio Ballarini

REGGIO EMILIA – Si è spento ieri mattina, a 71 anni, Giorgio Ballarini. Quando nel marzo 2012 l’allora capo della Protezione civile nazionale, Franco Gabrielli, venne nella Sala del Consiglio provinciale di Reggio Emilia per “rendere omaggio e ringraziare un sistema di protezione civile di cui un intero Paese va fiero, che coniuga la generosità con la capacità di fare sistema e di essere presente non solo su questo territorio, ma anche dove c’è bisogno”, pronunciò quelle parole anche per merito di Ballarini.

Giorgio Ballarini – che aveva 71 anni e viveva a Borzano di Albinea – dopo una brillante carriera nel campo della pianificazione e organizzazione della rete di vendita in diverse aziende italiane (su tutte la Maska, dove ha ricoperto il ruolo di direttore del progetto retail dal 1985 al 1996), è stato infatti il presidente del Coordinamento delle associazioni di volontariato di Protezione civile della Provincia di Reggio Emilia dal marzo del 2008 al maggio del 2013.

Poche settimane dopo la visita di Gabrielli, Reggio e l’Emilia furono chiamate ad affrontare la dura prova del terremoto. E quella capacità di fare sistema della Protezione civile reggiana – dalle istituzioni, con allora ancora la Provincia impegnata in un ruolo di primo piano a sostegno della Prefettura, al meraviglioso mondo del volontariato – diede un’altra, splendida dimostrazione. “Di questo sistema, Giorgio Ballarini è stato certamente uno dei principali artefici, trasformando il coordinamento del volontariato da semplice insieme di associazioni a punto di riferimento fondamentale per una Protezione civile moderna, diffusa ed efficace, al servizio della comunità reggiana e non solo”, ricorda il presidente Giorgio Zanni, esprimendo alla famiglia il cordoglio della Provincia di Reggio Emilia.

“Durante i suoi cinque anni alla guida del Coordinamento, il mondo del volontariato reggiano di Protezione civile ha compiuto enormi passi in avanti e lo ha fatto certamente grazie alle spiccate doti manageriali di Giorgio, ma soprattutto grazie alla sua disponibilità, al suo sorriso, al suo entusiasmo che lo hanno sempre reso una persona speciale”, spiega Federica Manenti, in quel periodo responsabile della Protezione civile della Provincia di Reggio.

Al di là delle tante emergenze che ha affrontato coordinando il volontariato reggiano – oltre al terremoto di Emilia, quello dell’Aquila nel 2009 e l’emergenza umanitaria per l’eccezionale afflusso di cittadini provenienti dai Paesi del Nord Africa nel 2011 – Giorgio Ballarini ha affinato il significato delle esercitazioni (a partire da quella sul Po nel 2012, che coinvolse ben 538 volontari) trasformandole da semplici addestramenti operativi a momenti di lavoro in stretta collaborazione con tutta la macchina istituzionale della Protezione civile reggiana. “Ma soprattutto, al fianco della Provincia, ha dato concretezza a due importanti e ambiziosi progetti: la Scuola di Protezione civile e la Colonna mobile provinciale, istituita poi con Delibera di Giunta nel 2013 ed inserita fra gli obiettivi strategici della Provincia di Reggio Emilia – aggiungono il presidente Zanni e Federica Manenti – Due eccellenze di un sistema che ruota intorno al Centro unificato di via della Croce Rossa, che Giorgio ha sempre inteso quale “casa comune del volontariato”, da cui poter attivare in qualsiasi istante una forza di pronto impiego, fatta di volontari competenti e dotata di mezzi efficienti”.

“Per noi era l’uomo il cui talento e la cui capacità, nel corso degli eventi, hanno sempre fatto la differenza, permettendoci di superare ogni prova”, concludono al Coordinamento di Protezione civile ricordando l’ “eredità di grande valore che Giorgio ci ha lasciato: un sistema pienamente operativo e con un’architettura più solida, in grado di fornire risposte efficaci ed organizzate indipendentemente dall’emergenza da affrontare e da chi venga coinvolto”.

Giorgio Ballarini lascia la moglie Doriana, la figlia Lisa, gli adorati nipoti Federico e Caterina, la mamma Olga e il fratello Ivano. I funerali si celebreranno sabato mattina alle 9 dalla camera mortuaria dell’arcispedale Santa Maria Nuova, dove da domani sarà allestita la camera ardente, alla chiesa di Sant’Anselmo a Buco del Signore.