Question Time, chiarimenti sulle tariffe agevolate del trasporto pubblico per le persone in condizioni di fragilità

22
BOLOGNA – L’assessore Claudio Mazzanti ha risposto, in seduta di Question time, alla domanda d’attualità della consigliera Emily Marion Clancy (Coalizione civica) sulle tariffe agevolate del trasporto pubblico per le persone in condizioni di fragilità.

La domanda della consigliera Clancy
“Vista la notizia di un finanziamento regionale per fornire un abbonamento al trasporto pubblico locale per le persone senza dimora e in condizioni di fragilità segnalate dai servizi sociali e di una scontistica per le famiglie numerose con 4 o più figli e un Isee inferiore ai 28 mila euro; considerato che, grazie al rinnovo dell’accordo regionale sulle tariffe agevolate per le persone fragili e al programma mobilità regionale, i Comuni potranno sostenere integralmente i costi degli abbonamenti per le persone senza fissa dimora sulla base della valutazione di un effettivo bisogno da parte dei servizi sociali; ritenuto che sia opinione largamente maggioritaria all’interno di questo Consiglio comunale che l’iniziativa venga messa in pratica quanto più celermente possibile, poiché questa misura è stata fortemente e a lungo richiesta da diversi gruppi consiliari all’interno di questo consiglio comunale, sia di maggioranza che di opposizione; considerato che, perché le persone senza dimora segnalate dai servizi sociali possano beneficiare di questa misura, i Comuni dovranno rilasciare una attestazione per il rilascio degli abbonamenti per le persone senza fissa dimora che necessitano di utilizzare il trasporto pubblico locale nell’ambito di un percorso di inserimento sociale e provvedere direttamente alla consegna delle tessere a chi ne ha diritto, sensibilizzando anche al rispetto delle regole di accesso ai mezzi pubblici; considerato inoltre che i Comuni dovranno fornire alle società di trasporto un elenco delle persone a cui è stato rilasciato l’abbonamento per gli opportuni controlli e monitoraggi. Pone la seguente domanda di attualità per sapere in che tempi la nostra Amministrazione conta di poter riuscire a rilasciare l’attestazione per il rilascio degli abbonamenti alle persone in condizioni di fragilità individuate dai servizi sociali e l’elenco delle persone individuate; per avere una valutazione politico-amministrativa sul tema”.

La risposta dell’assessore Mazzanti
“Gentile Consigliera,
il provvedimento della Regione è assolutamente condivisibile e mette fine a una situazione per molti aspetti critica, consentendo ai Comuni di sostenere integralmente i costi degli abbonamenti per le persone senza fissa dimora. La struttura comunale, in particolare gli uffici dell’area Welfare, sta seguendo l’iter del provvedimento insieme all’azienda trasporti, poiché rientra nell’aggiornamento dell’accordo regionale sulle tariffe degli abbonamenti di trasporto pubblico.

Facendo entrare i senza fissa dimora nell’ambito delle categorie per le quali la Regione definisce abbonamenti agevolati, il Comune attraverso i servizi sociali sarà in grado di acquistare gli abbonamenti a prezzo sostenibile e attribuirli alle persone che ne hanno necessità. Al contempo la Regione sta rivedendo i criteri di riparto per le agevolazioni complessive e quindi riconoscere ai Comuni le risorse necessarie. Una volta diventata esecutiva la delibera regionale, Tper dovrà produrre gli abbonamenti e il Comune acquistarli e distribuirli, un’operazione che richiederà poche settimane. Quindi l’importante che la Regione, e lo sta facendo, pubblichi l’atto dopo di che siamo tutti pronti, sia il sociali, sia noi sia Tper per far partire l’operazione”.