Question Time, chiarimenti sulla situazione di piazza dei Martiri

12
BOLOGNA – L’assessore Alberto Aitini ha risposto, in seduta di Question Time, alla domanda d’attualità del consigliere Francesco Sassone (Fratelli d’Italia), sulla situazione di piazza dei Martiri.

La domanda del consigliere Sassone
“In relazione alla situazione sempre più degradata in cui versa la zona di Piazza dei Martiri e vie adiacenti, dove i cittadini ed i residenti sono costretti a subire situazioni indecenti, di liti, bivacchi, persone che dormono nel giardino e sotto i portici e che disturbano i passanti arrecando disagio e paura, così come evidenziato dagli organi d’informazione, chiede al Sindaco ed alla Giunta quali azioni intendano mettere in campo per riportare la legalità ed il normale vivere civile nella zona che, oltretutto data la posizione, rappresenta il biglietto da visita della nostra Città”.

La risposta dell’assessore Aitini
“Voglio innanzitutto premettere che la zona di piazza dei Martiri costituisce uno dei settori della città dove sono maggiormente frequenti i controlli da parte delle pattuglie della Polizia Locale, anche in ragione della prossimità della stazione ferroviaria. In merito agli episodi rappresentati dal consiglieri, questo fenomeno del bivacco, della presenza di persone senza fissa dimora è noto e la polizia Locale interviene costantemente. Abbiamo un programma di interventi che prevedono sistematici sopralluoghi da parte delle pattuglie della Polizia Locale sia del quartiere che di quelle impegnate nell’area della stazione, sia anche con interventi del servizio di pronto recupero. In più abbiamo anche coinvolto le forze dell’ordine, con una presenza costante nelle ultime settimane che non le sarà sfuggita e che ha enormemente giovato alla situazione e migliorato le situazioni di criticità che c’erano, come mi testimoniano anche i residenti e i commercianti che mi hanno più volte scritto in questi giorni per ringraziarmi del lavoro che stiamo facendo. Abbiamo come sempre, anche in questo caso, lavorato e stiamo lavorando con i servizi sociali, che voglio ringraziare perché stanno facendo un lavoro veramente importante. Anche in questo caso, come nella situazione di via Indipendenza, siamo di fronte a un rifiuto da parte di queste persone, almeno in parte, perché invece alcuni sono stati presi in carico dai servizi sociali. Si tratta quindi di intervenire in situazioni drammatiche, dove abbiamo persone che vivono in strada, per provare a togliere da situazioni di enorme criticità e aiutarle, per questo l’intervento dei servizi sociali è molto importante. Sa anche lei che l’efficacia di sanzioni di natura pecuniaria è di fatto poco incisiva, perché queste persone versano in condizioni economiche e sociali che rendono loro impossibile pagare le sanzioni. È per questo che in questi contesti si interviene, per avere risultati significativi, da un lato con il lavoro dei servizi sociali – ci siamo visti questa settimana con l’assessore Barigazzi per fare il punto sugli interventi in tutta la città -, dall’altro lato tramite la Polizia Locale e le forze dell’ordine, se dovessero nascere situazioni di forte criticità, come sicuramente piazza dei Martiri è, come anche via Indipendenza, proprio per dare risposte alla popolazione.

Lei mi dirà che la situazione non è ancora stata risolta, è chiaro che stiamo lavorando e che l’intervento non si esaurisce nell’arco di un week end o dal giorno alla notte, ma c’è bisogno di un percorso che stiamo facendo per risolvere il problema in via definitiva. Non c’è da parte nostra nessuna volontà di spostare il problema, anche perché lo risolveremmo in piazza dei Martiri e lo avremmo a cinquanta metri, ma c’è un lavoro che voglio rimarcare, dei servizi sociali, che deve portare a togliere queste persone dalla condizione drammatica in cui vivono , e anche lei lo ha testimoniato citando la manifestazione che avete fatto lo scorso week end, quindi un lavoro che ha dei tempi più lunghi. Assieme a questo è importante che ci sia anche la presenza di forze dell’ordine e della polizia locale, proprio per evitare situazioni che potrebbero diventare davvero molto problematiche. Anche in questo caso, mi sento di rassicurarla sul fatto che l’Amministrazione sta lavorando e sono sicuro che riusciremo a risolvere il problema”.