Question Time, chiarimenti sulla gara per l’ex cinema Modernissimo

16

BOLOGNA – L’assessore Virginia Gieri ha risposto, in seduta di Question time, alla domanda d’attualità del consigliere Umberto Bosco (Lega nord) sulla gara per l’ex cinema Modernissimo.

La domanda del consigliere Bosco
“Gara ex cinema Modernissimo. Alla luce dell’articolo di stampa chiedo al Sindaco ed alla Giunta un parere politico-amministrativo nel merito. Chiedo, in particolare, se l’Amministrazione abbia idea della ragione per la quale la gara è andata deserta”.

La risposta dell’assessore Gieri
“Grazie presidente, buone notizie consigliere Bosco, nel senso che siamo già partiti con una nuova gara, ma ci tengo a raccontare l’iter che abbiamo percorso. L’intervento in oggetto è rilevante sotto diversi aspetti, non solo per la sua collocazione nella zona centrale, ma anche perché è parte fondamentale del recupero complessivo della sala cinematografica del Modernissimo che è affidata alla Cineteca di Bologna e diventerà polo culturale di importanza internazionale. L’ingresso, ideato da Mario Nanni, è stato studiato nei dettagli per consentire un comodo accesso a tutto il pubblico, con particolare riguardo a quello a ridotta capacità motoria. L’individuazione dell’operatore economico cui assegnare la realizzazione di un progetto di tale importanza e centralità non può certamente avvenire in considerazione esclusiva di un criterio del massimo ribasso dell’offerta economica. Pertanto, fin da subito si è pensato ad una procedura che prevedesse una valutazione anche qualitativa delle offerte presentate.

Si è dunque proceduto all’approvazione di apposito bando di manifestazione di interesse (pubblicato nel periodo 20 novembre – 6 dicembre 2020), inerente l’affidamento dei lavori di realizzazione di un nuovo accesso all’ex cinema Modernissimo in piazza Re Enzo, da aggiudicarsi mediante procedura negoziata con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa: miglior rapporto qualità prezzo.

A seguito delle risultanze del suddetto avviso di manifestazione di interesse, a cui hanno risposto 34 imprese, si è proceduto ad individuare i 10 operatori economici da invitare alla successiva procedura negoziata, sorteggiati tra tutti coloro, quindi 34, che avevano validamente manifestato interesse. Successivamente il 16 dicembre 2020 è stata indetta la procedura negoziata in oggetto e in pari data si è proceduto all’invito dei 10 operatori economici sorteggiati, con termine per la presentazione delle offerte fissato alle ore 12 del 1° febbraio 2021. In data 2 febbraio 2021, l’Autorità di Gara ha redatto verbale, in cui si è dato atto che non è pervenuta alcuna offerta entro il termine fissato. Prendendo atto di ciò, sono stati riformulati gli elementi di valutazione delle offerte tecniche in modo meno specifico e dettagliato, così da lasciare una maggiore libertà agli operatori economici nel proporre le migliorie al progetto esecutivo. Quindi abbiamo rivisto quel bando non aumentando l’importo, ma bensì ridefinendo le richieste all’interno del bando, quindi lasciando maggiore libertà alle imprese di proporre migliorie.

Il RUP dunque ha proposto di procedere all’indizione di una nuova procedura negoziata con invito a 10 operatori economici nominativamente selezionati dal RUP tra i soggetti iscritti nell’elenco di operatori economici per l’esecuzione di lavori pubblici modificando gli elementi di valutazione delle offerte tecniche, al fine di favorire una maggiore partecipazione confermando il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, quindi miglior rapporto qualità/prezzo. Anche questo è un paletto che abbiamo assolutamente voluto mantenere. Si è pertanto proceduto ad indire una nuova procedura negoziata il 10 febbraio con invito ai 10 operatori economici selezionati, con termine per le offerte il 1 marzo 2021 alle ore 12. Una buona notizia, abbiamo recuperato molto velocemente, esattamente un mese dopo. Siamo molto ottimisti, chiuderemo con una gara aggiudicata. Sottolineo consigliere Bosco, parliamo dell’accesso al cinema modernissimo”.