Question Time, chiarimenti su una manifestazione annunciata per il 1° maggio

13
BOLOGNA – L’assessore Alberto Aitini ha risposto questa mattina, in sede di Question Time, alla domanda d’attualità della consigliera Emily Marion Clancy (Coalizione civica) su una manifestazione annunciata per il 1 maggio.

La domanda della consigliera Clancy
“Viste le notizie relative all’intenzione da parte di alcuni movimenti dell’ultra destra fascista, riuniti in una sedicente Rete dei Patrioti, di dare vita ad un raduno e di manifestare a Bologna in occasione del primo maggio; visto il palese richiamo al fascismo di questo movimento e i contenuti offensivi e razzisti facilmente reperibili sui loro media; vista lo sdegno espresso in riguardo ad una tale eventualità da parte si associazioni, sindacati e formazioni antifasciste; considerato che Bologna, città Medaglia d’Oro per la Resistenza, ha sempre respinto ogni provocazione di stampo fascista con grande coscienza civica e costituzionale; considerato inoltre che questa Amministrazione si è dotata di regolamenti per limitare l’uso dello spazio pubblico alle formazioni che si riconoscano nelle Costituzione Repubblicana e nei valori dell’antifascismo; pone la seguente domanda di attualità per avere una valutazione politico amministrativa sul tema; per sapere quali informazioni abbiano in merito e quali azioni intendano intraprendere presso le autorità di pubblica sicurezza e presso la Prefettura perché non siano consentite manifestazioni che offendono i cittadini e le cittadine di Bologna e che propagandano valori anticostituzionali”.

La risposta dell’assessore Aitini
“Grazie presidente, grazie consigliera,
anche per aver ricordato il Regolamento di cui siamo tutti molto orgogliosi, approvato dal Consiglio comunale, rispetto all’occupazione di suolo pubblico, ad esempio con banchetti e anche con la condivisione di spazi comunali. Rispetto alla manifestazione in oggetto, noi ci siamo già attivati, tanto che questa mattina il Sindaco al comitato di ordine pubblico che si è svolto ha chiesto al Prefetto di spostare la manifestazione in modo che non vengano occupate le piazze all’interno del centro storico, delle mura cittadine, e quindi sarà il Questore che ha la competenza ad autorizzare lo svolgimento di questo tipo di manifestazione a interloquire con gli organizzatori per approfondire le loro richieste e trovare le necessarie soluzioni. Quindi ci siamo già attivati proprio perché abbiamo ritenuto che fosse assolutamente necessario approfondire la richiesta, anche se, è bene ricordarlo, questo genere di autorizzazioni non compete all’Amministrazione comunale, ma costituisce materia di competenza dell’autorità di pubblica sicurezza. Il Questore chiaramente riferirà quanto deciso, immagino nelle prossime ore, nei prossimi giorni, visto che il comitato di ordine pubblico si è svolto pochissime ore fa”.