Provincia di Reggio Emilia: sp 48, canali tombati per incrementare la sicurezza

27

REGGIO EMILIA  – Sono iniziati nei giorni scorsi, e si concluderanno entro la fine della prossima settimana, i lavori di tombamento di alcuni fossi laterali in via Campagnola, la Sp 48 che da Correggio porta a Rio Saliceto. L’intervento, finanziato dalla Provincia di Reggio Emilia con 50.000 euro e realizzato dalla ditta Gazzini di Lemizzone, era stato concordato con i due Comuni per aumentare la sicurezza su un’arteria particolarmente trafficata e che – così come tantissime altre strade comunali e provinciali – è stata pensata e realizzata decine di anni fa, per volumi di passaggio e mezzi con dimensioni certamente differenti da quelli attuali. Oltre al tombamento, per un tratto di circa 600 metri, dei fossi laterali, la Provincia ha anche provveduto ad installare pannelli luminosi finalizzati a evidenziare ulteriormente le caratteristiche della strada, che va comunque percorsa rispettando il limite di velocità a 50 km/h e prestando attenzione alla banchina.

“Siamo soddisfatti e ringraziamo la Provincia che, anche in questa occasione, ha rispettato gli impegni concordati, realizzando un altro significativo intervento finalizzato ad aumentare la sicurezza delle strade che i nostri cittadini percorrono ogni giorno”, commentano i sindaci di Correggio e Rio Saliceto, Ilenia Malavasi e Lucio Malavasi, che con i rispettivi Comuni si sono fatti carico di raggiungere i necessari accordi con i proprietari dei terreni interessati dal tombamento.

Via Campagnola, come si ricorderà, era stato teatro di alcuni incidenti in particolare dopo che la stessa Provincia, alla vigilia del passaggio della tappa del Giro d’Italia Carpi-Novi Ligure del 22 maggio 2019, aveva provveduto a sistemare il fondo stradale deteriorato. Nonostante gli interventi messi in campo, si ricorda che è comunque sempre necessario rispettare i limiti di velocità e prestare particolare attenzione, a maggior ragione su una arteria così importante e molto utilizzata.