Prova coraggiosa ma non basta: Cervia vince 3-0

7

BELLARIA-IGEA MARINA (RN) – Seconda sconfitta stagionale per la Gut di coach Balzani che al cospetto di Cervia deve arrendersi 3-0; un risultato che non è bugiardo ma che non rende onore alle giovani bellariesi che hanno giocato un’ottima gara contro una delle squadre che lotterà fino in fondo per la vittoria del campionato.

“Così come nel post gara con Athena mi sento di ribadire che non sono queste le gare in cui dobbiamo cercare punti per raggiungere i nostri obiettivi stagionali, ma rispetto a due settimane fa oggi abbiamo dimostrato di potercela giocare alla pari anche contro le “big” del girone; resta una bella prestazione, coraggiosa con tante giocate degne di nota e da cui ripartire. Purtroppo, nelle fasi calde della partita ci è mancata quell’esperienza che in queste partite può fare l’esperienza, la stessa esperienza che invece ha Cervia, a partire dal suo allenatore Simoncelli. Adesso ci aspetta un’altra gara dura con Rubicone che fino adesso ha dimostrato di poter stare in alto, vogliamo cercare di fare punti attraverso ad un’altra bella prestazione”.

Balzani recupera tutte le assenti ma a scopo precauzionale lascia, almeno in partenza, Zamamrchi in panchina schierando al centro Astolfi e Bacchini, Armellini e Tosi Brandi come alzatrice e opposto, Agostini e Strada schiacciatrici.

Il primo set si dimostra subito equilibratissimo dove le protagoniste sono soprattutto le difese di entrambe le squadre; un triplo ace di Armellini costringe Simoncelli al timeout da cui Cervia esce rigenerata rimettendo le cose in parità prima di un altro punto importante di un’ispiratissima Armellini. Le padrone di casa trovano il primo sorpasso sul 18-17 con due errori di Agostini e Astolfi; il finale di set è sostanzialmente una gara di battute: per la Gut sbagliano Armellini, Astolfi e Strada mentre Cervia trova un ace con Zatti, un errore con Toppetti e trova il set-point con l’ace di Bartolini per il 25-22 finale.

Inizio secondo set terribile per Bellaria; due ace e due murate vincenti fanno scappare subito le locali con il centrale Sangoi sugli scudi; Balzani prova a inserire Paolucci per un’opaca Strada ma la Gut resta spenta ed offensivamente innocua e viene chiamato il primo timeout. Bella reazione bellariese al rientro in campo: con le stesse armi di Cervia, ovvero muro e servizio, specie con Tosi Brandi, la partita si rimette sui binari giusti e dopo un parziale di cinque punti subiti è Simoncelli a chiamare il timeout. La differenza in questa fase di gare la fanno i centrali: da un lato gli errori di Astolfi e i punti di Bacchini, dall’altro ancora un’ottima Sangoi fa malissimo alla difesa ospite. Un triplo turno positivo di Di Fazio fa scappare Cervia sul 20-17 che si mette al sicuro con l’ace di Sangoi e il murone di Toppetti su Astolfi. Paolucci prova a riaprirla con due punti che, assieme a due errori in battuta cervesi mettono pressione a Simoncelli: la chiude sul 25-21 una bella diagonale di Toppetti.

Ancora tantissimo equilibrio nel terzo set; le due squadre si scambiano colpi a ripetizione come due pugili e vanno avanti di pari passo sino al 12-12 prima di un loop di errori bellariesi con Agostini, Strada e Astolfi che portano Cervia sul 17-14. Benchè non al meglio, Zammarchi prende per mano le compagne e le riporta a galla sino al 19-18 che costringe Simoncelli a sfruttare il suo secondo timeout preoccupato per la reazione bellariese. Nel finale di gara la squadra di Balzani si fa del male da sola: un doppio errore di Paolucci e D’Aloisio danno la spinta decisiva a Cervia; nonostante la Gut riesca a portare il set ai vantaggi, nel batti e ribatti finale sono ancora decisivi gli errori bellariesi al servizio e in attacco; un errore di Paolucci al servizio ed il mani-out di Toppetti chiudono il match sul 26-24.