Processato per direttissima automobilista arrestato

16

Dopo una sanzione per divieto di sosta aveva offeso e colpito un operatore della Polizia locale di Modena. L’arresto per resistenza e lesioni convalidato dal giudice

polizia- municipaleMODENA – È stato processato per direttissima nella mattinata di venerdì 8 ottobre l’uomo che la Polizia locale di Modena aveva arrestato il giorno prima per resistenza e lesioni a un pubblico ufficiale.

Tutto è iniziato con una sanzione da 42 euro per divieto di sosta, elevata dagli operatori della Polizia locale durante un normale servizio di controllo disposto per garantire la corretta circolazione nel tratto finale di corso Canalchiaro, quello più prossimo a corso Duomo, dove insiste anche la fermata del bus. Già nei giorni scorsi, nella curva in questione si erano verificati disagi soprattutto alla circolazione degli autobus a causa di restringimenti o impedimenti nella carreggiata transitabile.

Gli agenti sul posto hanno quindi redatto il verbale al veicolo lasciato in sosta appunto sulla carreggiata in divieto di fermata e nel frattempo il proprietario del mezzo, una Jeep Land Rover, è sopraggiunto avvicinandoli e iniziando subito a inveire contro gli operatori con minacce e pesanti offese. Dalle parole è arrivato molto presto alle mani, in cui teneva le chiavi dell’automobile, spintonando e colpendo un agente a cui è stata diagnosticata una prognosi di sette giorni. Per trattenere l’automobilista, che si era recato in centro per motivi di lavoro, gli agenti hanno dovuto ricorrere agli strumenti in dotazione. L’uomo è stato arrestato e portato al Comando per l’identificazione. In mattinata il giudice ha convalidato l’arresto e disposto i termini per la difesa.