Potature a Piacenza

12

Mancioppi: “Interventi mirati e rimozione solo di piante ammalorate o malate che verranno sostituite”

Palazzo Mercanti_500PIACENZA – Il piano di potature del Comune di Piacenza sta proseguendo in questi giorni in diverse zone della città, seguendo il periodo a tal fine indicato, quindi quello del riposo vegetativo che varia da pianta a pianta. Nel corso delle potature, i tecnici comunali verificano inoltre la salute delle alberature e, solo nel caso in cui sia verificato che una pianta è definitivamente compromessa e/o pericolosa per la sicurezza delle persone, si procede alla sua rimozione per una successiva sostituzione, nel periodo vegetativo adeguato. Questo è il caso di Piazzale Torino, dove nel corso delle verifiche sulle alberature, sono state riscontrate le pessime condizioni di salute di due meli cariati all’interno. I due meli saranno prontamente sostituiti con altre piante. Inoltre, nella stessa zona, la siepa di lagerstroemia, è stata potata solamente nelle sue parti secche, e non verrà in alcun modo rimossa. Infine, si è provveduto alla rimozione di alcuni frassini, anch’essi compromessi, che verranno ugualmente sostituiti.

“Su Piazzale Torino – sottolinea l’Assessore all’Ambiente, Paolo Mancioppi – è in fase di realizzazione un intervento di riqualificazione del verde e dell’arredo urbano, iniziato in questi giorni, che vedrà la sistemazione a verde della rotonda, con la piantumazione di essenze nella sua parte centrale, e di tutte le altre alberature che insistono sul piazzale. Gli interventi di riqualificazione delle alberature effettuati in questi giorni sono riferiti a questo intervento e sono tutti realizzati, con la cura dei nostri agronomi e tecnici, nella massima attenzione per la salute delle piante e per la sicurezza delle persone. Le potature sono compiute nel periodo di riposo vegetativo (che varia da pianta a pianta), con la massima attenzione alle essenze già fiorite, come i prunus presenti sul piazzale che non sono oggetto di alcun intervento. Inoltre, seguendo quello che abbiamo fatto in molte altre parti della città, a partire da Piazzetta Plebiscito dove si era alzato un allarme ingiustificato sulla rimozione di alcuni tigli, tutte le piante che vengono rimosse per questioni di salute e sicurezza, verranno sostituite nei tempi tecnici indicati con altre. In questi anni, la nostra Amministrazione ha sempre agito in questo modo, andando a piantumare non solo le alberature rimosse da noi, ma anche quelle rimosse negli anni precedenti e mai sostituite”.