Polizia Locale, via libera dalla Giunta al nuovo regolamento

20

Lodi: “Non saremo più l’unica città a combattere l’illegalità con gli agenti disarmati”. Fabbri: “Preparazione e professionalità per garantire più sicurezza”

FERRARA – “La polizia locale di Ferrara non sarà più l’unico corpo non armato di tutta la regione Emilia Romagna: finalmente anche i nostri agenti potranno sentirsi sicuri nell’affrontare gli interventi più difficili e alla pari degli altri agenti nelle azioni da organizzare in collaborazione con le altre Forze dell’Ordine”.

Così il vicesindaco Nicola Lodi con deleghe alla Sicurezza commenta il via libera della Giunta comunale all’introduzione dell’armamento, obbligatorio a norma di legge per l’attivazione del quarto turno della Polizia Locale e il conseguente prolungamento dell’attività operativa alle 24 ore giornaliere.

A consentirlo è il nuovo Regolamento del Corpo, esaminato nella seduta odierna di Giunta, che dovrà ora passare al vaglio della competente Commissione consiliare prima di approdare in Consiglio Comunale per la discussione e l’approvazione definitiva.

Il nuovo testo, composto di 27 articoli, contro i 52 di quello precedente, cui andavano sommati i vari regolamenti assorbiti, è stato redatto secondo i principi della semplificazione amministrativa, con l’intento di renderne più agevole l’applicazione e la capacità di recepire le normative future.

Assieme all’introduzione dell’armamento e dei necessari corsi formativi previsti dalla legge, il nuovo Regolamento riunirà in un unico atto l’organizzazione del Corpo, la disciplina degli strumenti di autotutela (spray irritante e bastone distanziatore) e quella del taser, prima frazionati in singoli provvedimenti. Il tutto, con l’obiettivo, indicato dall’Amministrazione comunale di Ferrara, di adeguare l’attività del proprio Corpo di Polizia Locale all’attuale contesto sociale e al maggiore impiego operativo che tale contesto richiede.

Per il sindaco di Ferrara, Alan fabbri, si tratta di “un altro passo in avanti nel cammino che la nostra città sta compiendo per guadagnare il posto che merita a livello regionale. La sicurezza e la capacità del corpo della Polizia locale di affrontare in modo corretto e completo anche situazioni di emergenza è uno dei fattori con cui si misura la solidità e la capacità di tenuta di una città -spiega il sindaco -.

Agli agenti impegnati nel lavoro quotidiano di difesa della legalità bisogna dare gli strumenti adatti per svolgere in sicurezza un ruolo tanto delicato. Come sappiamo tutti, la nostra città ha delle sacche di illegalità e di criminalità cresciute indisturbate per anni nelle quali bisogna intervenire con cautela e professionalità e, per questo, il corpo della Polizia Locale nei prossimi mesi verrà preparato ad un uso accurato e professionale dei nuovi strumenti”.

E Lodi conclude: “Il nuovo testo verrà presentato in Commissione e poi andremo in Consiglio entro breve per dare il via all’acquisto di armi questo nell’ottica di essere un corpo sempre più importante sempre più determinante per la sicurezza dei ferraresi L’importanza dell’attività degli agenti si sta dimostrando anche in questo periodo di emergenza con gli oltre 5 mila controlli effettuati nel periodo Coronavirus e 30 persone sanzionate nel weekend, con centinaia di attività controllate, nonostante la limitazione attuale che permette agli agenti di lavorare solo di giorno”.