Piacenza, 69 violazioni accertate dalla Polizia Locale

L’assessore Zandonella: “Preziose le nuove attrezzature in dotazione”

polizia- municipalePIACENZA – Nei giorni scorsi, le pattuglie della Polizia Locale hanno effettuato servizi di controllo sul territorio, mirati al monitoraggio delle strade a maggiore rischio di incidentalità. L’operazione è stata condotta anche avvalendosi degli strumenti tecnici più recentemente avuti in dotazione, quali il nuovo Autovelox e il Targa System che permette di verificare, in tempo reale, se un veicolo è regolarmente revisionato e assicurato.

Il bilancio complessivo degli interventi eseguiti è di 69 violazioni accertate – e immediatamente contestate – al Codice della Strada, di cui ben 31 per il superamento dei limiti di velocità che, in un caso, ha raggiunto un eccesso di oltre 40 km orari rispetto ai massimi consentiti, portando al ritiro della patente di guida per il conducente colto in flagrante.

Altre dieci sanzioni sono state comminate per revisione omessa o scaduta, due per irregolarità nella gestione del cronotachigrafo e altrettante per assicurazione mancante o non più in corso di validità. Ad altre nove violazioni di vario genere riscontrate dagli agenti, si aggiungono 15 sanzioni per superamento dei limiti nel carico dei mezzi pesanti, cui è stata prestata particolare attenzione sia negli accertamenti volti a verificare la regolarità della merce trasportata, sia l’efficienza dei dispositivi di bordo.

“Grazie agli investimenti attuati dalla Giunta Barbieri – rimarca l’assessore alla Sicurezza Luca Zandonella – la Polizia Locale dispone oggi di attrezzature tecnologiche che facilitano l’individuazione di chi circola sulle strade cittadine senza rispettare le normative. In questi due anni di mandato, sono stati fermati e sanzionati in numero crescente automobilisti alla guida di veicoli non assicurati o privi di revisione, migliorando l’efficacia dei controlli e favorendone l’immediatezza, nell’impegno prioritario e concreto dell’Amministrazione per la sicurezza stradale”.