Pendragon: 10 anni dalla morte di Roberto Roversi

12

BOLOGNA – In occasione del decimo anniversario della morte di Roberto Roversi, il 14 settembre alle ore 17.30 verrà presentata alla Biblioteca dell’Archiginnasio-Sala dello Stabat Mater la prima antologia tratta dalle sue opere poetiche:

Roberto Roversi, Non isolarsi ma ascoltare

All’incontro parteciperanno: Marco Antonio Bazzocchi, Marco Giovenale, Matteo Marchesini, Fabio Moliterni, curatori del volume.

Modera Antonio Bagnoli (Edizioni Pendragon)

Letture di Caterina Roversi, Luca Malini, Chiara Mauli

Il volume:

“La primavera non è mai troppo lontana.
Non isolarsi ma ascoltare. Ascoltare.
Ascoltare”.

A dieci anni dalla scomparsa del poeta che ricorreranno esattamente il 14 settembre il 16 settembre esce un’agile antologia di testi, la prima a lui dedicata, che vuole offrire l’occasione per conoscere da vicino una delle voci più significative e autorevoli della cultura e della poesia italiana del Novecento: poeta essenzialmente civile, osservatore indipendente da ogni potere delle trasformazioni sociali avvenute in Italia durante il corso della sua vita.
Testi tratti da: Dopo Campoformio, Le descrizioni in atto, L’Italia sepolta sotto la neve, fogli sparsi libri.
Con scritti di: Marco Antonio Bazzocchi (lettura di Dopo Campoformio), Matteo Marchesini (lettura di Le descrizioni in atto), Marco Giovenale (lettura di L’Italia sepolta sotto la neve), Fabio Moliterni (lettura di fogli sparsi e libri) e una nota dell’editore.

pp. 190, € 29,00, isbn 9788833644271, in libreria dal 16 settembre 2022

Roberto Roversi (Bologna 1923-2012) ha fondato con Leonetti e Pasolini la rivista «Officina» (1955) e ha dato vita nel 1961 alla rivista «Rendiconti». È stato libraio antiquario per oltre sessant’anni. Delle numerose opere poetiche, si ricordano Poesie per l’amatore di stampe (Salvatore Sciascia, 1954); Dopo Campoformio (Feltrinelli, 1962; poi Einaudi, 1965); Le descrizioni in atto (ciclostilato in proprio, Bologna, 1969, 1974, 1985 e 1990) e L’Italia sepolta sotto la neve (fuori commercio, 2010), che raccoglie il suo lavoro degli ultimi trent’anni. Le principali opere di narrativa sono Ai tempi di re Gioacchino (Palmaverde, 1952); Caccia all’uomo (Mondadori, 1959; poi Pendragon, 2011); Registrazione di eventi (Rizzoli, 1964) e I diecimila cavalli (Editori Riuniti, 1976). Per il teatro ha scritto Unterdenlinden, 1965; Il crack, 1969; La macchina da guerra più formidabile, 1971; Enzo re. Tempo viene chi sale e chi discende, 1977; La macchia d’inchiostro, 1978 (tutti ripubblicati da Pendragon). Ha scritto i testi per tre dischi di Lucio Dalla (Il giorno aveva cinque teste, Anidride solforosa e Automobili) e, per il gruppo degli Stadio, tra le altre, la celebre canzone Chiedi chi erano i Beatles. La sua tesi di laurea, Le origini dell’irrazionalismo di Nietzsche studiate nelle opere giovanili, è stata pubblicata da Pendragon nel 2013. Sempre per Pendragon sono usciti anche i carteggi con Leonardo Sciascia (Dalla Noce alla Palmaverde. Lettere di utopisti 1953-1972) e con Vittorio Sereni (“Vincendo i venti nemici”. Lettere 1959-1982). Sue opere edite e inedite, in tiratura limitata, sono disponibili su questo sito nella collana “I libri di Roberto Roversi in edizione limitata”. Tutti i suoi testi sono consultabili nel sito www.robertoroversi.it