Nota di Hera

24

RiminiNessun addebito a carico della società a proposito della raccolta dei rifiuti presso le attività di Riccione

RICCIONE (RN) – Con riferimento alle dichiarazioni rilasciate oggi dal sindaco di Riccione Renata Tosi, Hera desidera innanzitutto precisare che, contrariamente a quanto sostenuto, il problema è sorto proprio a causa dell’errata esposizione dei rifiuti di alcune attività commerciali vicino ai cestini o all’esterno, invece di tenerli all’interno della propria area di pertinenza ed attendere come concordato la fascia oraria di passaggio degli operatori Hera.

Infatti il sistema di raccolta “porta a porta” basa la propria efficacia esclusivamente sul reciproco rispetto delle fasce orarie di esposizione da parte delle utenze e degli orari di passaggio da parte degli operatori della raccolta

Per fermare questi conferimenti impropri, sarebbe opportuno che il Comune intervenisse con le sanzioni previste nell’ordinanza di riferimento.

Per fermare questi conferimenti impropri e i relativi disagi, è necessaria una maggiore azione di controllo che dia luogo all’irrogazione da parte del Comune delle sanzioni previste dalle ordinanze vigenti.

Nei prossimi giorni poi, come concordato con l’amministrazione, gli incaricati di Hera ridistribuiranno il materiale informativo, per ribadire le modalità e gli orari di esposizione – già individuabili sulla app ‘Il Rifiutologo’ – sia nella zona commerciale, sia nella zona mare, in modo da permettere la migliore organizzazione possibile nell’esposizione del rifiuto da parte degli operatori commerciali.

Ciò a dimostrazione che da tempo è aperto, e continuerà ad esserlo, un canale di comunicazione diretto e continuo con l’amministrazione comunale attraverso cui confrontarsi quotidianamente e grazie al quale viene garantito sempre un intervento efficace e tempestivo.