Nota della SILB Emilia Romagna del 21 agosto 2021

1
ministro Orlando e presidente Indino

RIMINI – Durante il convegno organizzato venerdì pomeriggio a Rimini dal PD, il presidente del SILB-Fipe dell’Emilia Romagna, Gianni Indino, ha incontrato il ministro del Lavoro, Andrea Orlando.

“Un incontro cordiale – spiega Indino – che segue di poche ore quello avuto a Bologna con il ministro del Turismo, Garavaglia, con l’obiettivo di alzare nuovamente l’attenzione sul mondo dell’intrattenimento che ha assoluto bisogno di risposte certe e concrete da parte delle istituzioni dello Stato. Con Orlando ho parlato della situazione delle imprese e dei lavoratori del nostro comparto e ho presentato l’importanza di accelerare la ripartenza delle attività dei locali da ballo prima che si debbano raccogliere solamente i cocci. Sono molto soddisfatto che il ministro Orlando fosse consapevole della situazione e che abbia dato immediata adesione al tavolo di lavoro tra istituzioni e rappresentanti delle imprese che Garavaglia si è impegnato ad organizzare nelle prossime settimane. Un passaggio fondamentale per dare risposte sia agli imprenditori, sia alle centinaia di migliaia di dipendenti e collaboratori del nostro comparto che sono rimaste senza lavoro. Chi ha deciso di mantenere un ruolo nel settore senza cambiare mestiere, si ritrova senza stipendio da 19 mesi e la situazione per molti è ormai insostenibile: gli effetti non si fanno sentire solo sul piano economico, ma anche psicologico e le segnalazioni di disagio iniziano ad essere all’ordine del giorno. Anche perché pure gli imprenditori che avevano continuato ad aiutare i propri collaboratori sostenendoli nella speranza di poter ricominciare presto a lavorare insieme, in questo momento non hanno più margini per continuare a farlo e con i soli sussidi statali non si può andare avanti.

Il ministro del Lavoro mi ha ampiamente rassicurato di avere ben chiara la problematica occupazionale creata dal perdurare dello stop ai locali da ballo e ha dato disponibilità a discutere questo tema, augurandosi di dare un contributo per il riavvio dell’attività di ballo in sicurezza, con l’utilizzo di strumenti come il Green Pass. Mi auguro ora che dalle promesse si passi finalmente ai fatti concreti nel giro di brevissimo tempo. Ritengo che si stiano gettando le basi per riportare serenità al nostro ambiente e di riflesso anche a tutti i territori e le comunità che in questi mesi estivi hanno fatto i conti con giovani e giovanissimi allo sbando, alla ricerca di luoghi di divertimento e socialità che sono stati preclusi, trovandoli in rave, feste abusive, strade e spiagge presi d’assalto, con tutti i risvolti di ordine pubblico che hanno tenute impegnate le forze dell’ordine.

Adesso ho intenzione di proseguire con questi incontri preliminari propedeutici al tavolo di lavoro, sia con il ministro dello Sviluppo economico, Giorgetti, sia con il ministro della Salute, Speranza, con i quali sono convinto di poter trovare il modo di coniugare salute ed economia anche per il nostro settore”.