Nicolò Govoni torna a Bologna per presentare il suo nuovo libro

39

L’autore presenterà il libro “Ogni cambiamento è un grande cambiamento” (Rizzoli) il 30 ottobre presso l’Oratorio di San Filippo Neri di Bologna

BOLOGNA – Nicolò Govoni torna con un nuovo libro e un tour in Italia che il 30 ottobre approderà a Bologna, alle ore 16.30, negli spazi dell’Oratorio di San Filippo Neri (Via Manzoni, 5 – ingresso libero). Già disponibile in prevendita, “Ogni cambiamento è un grande cambiamento” (edito da Rizzoli) uscirà il 25 ottobre in tutte le librerie e nei maggiori store online.

Stavolta l’autore presenta un’opera corale realizzata insieme ai minori che frequentano le scuole di Still I Rise nel mondo. Cinque racconti delicati e potenti, ambientati tra Kenya, Repubblica Democratica del Congo, Siria e Grecia, dove i protagonisti sono i bambini e le loro vite in contesti di diritti negati.

«Ognuno dei nostri studenti ha una storia unica da raccontare, e ogni storia, se ascoltata, ha il potere di cambiare il mondo. Ecco perché abbiamo posto loro la domanda più importante di tutte: “Cos’è, per te, la Famiglia?”», spiega Nicolò Govoni.

«Ho raccolto testimonianze da tutte le nostre Scuole nel mondo, storie vere di mam­me, di papà, di sorelle, di fratelli, di nonni, di cugini e di zii. E così, questo libro ha iniziato a prendere forma, e il suo messaggio a definirsi con chiarezza sempre più innegabile: la famiglia non è tanto il sangue che ci lega quanto l’amore che ci libera».

Tutti i proventi dell’autore e il 2% di quelli dell’editore saranno devoluti a Still I Rise per l’apertura della nuova Scuola Internazionale in Colombia.

SCHEDA DEL LIBRO

Cos’è, per te, la famiglia? Da questa domanda prendono avvio cinque racconti veri e umanissimi ispirati da quegli stessi bambini e ragazzi per cui da anni lotta Nicolò Govoni. Verso un domani lontano da guerre, povertà, ingiustizie e violenza.

Cinque storie potenti ambientate nelle fumanti megalopoli del Kenya, tra le macerie della Siria, nelle profondità delle miniere in Congo, in un campo profughi in Grecia e anche là dove non ci saremmo aspettati di vedere arrivare scontri e violenza, così vicini alle porte di casa. Racconti con protagonisti quei bambini e quelle bambine nati dove la protezione e la normalità sono ancora privilegio di pochi.

Così, entriamo nella vita di Njoki, che aspetta il ritorno di sua sorella in fuga per un amore osteggiato dalla comunità; leggiamo la lunga lettera che Wasim, nella sua prima notte da clandestino per evitare l’arruolamento, scrive alla sorellina Isra con i suoi sogni di piccola calciatrice; vediamo Musa, l’unico albino del suo villaggio, schivare le angherie dei coetanei che lo additano come il figlio di una strega; seguiamo Nur mentre cerca il suo cane scomparso nel campo profughi che divide con altri fuggitivi anche loro senza più una casa; e ascoltiamo come Khal e i suoi compagni hanno in mente di cambiare il loro mondo un pezzo alla volta, iniziando dalle tende che ora li ospitano.

Nicolò Govoni torna con un libro forte e delicato, che ci ricorda come la distanza non sia importante quando si tratta di crescere e diventare adulti insieme, e di come, in un mondo dove a volte sembra impossibile sognare, lo sguardo e la voce di un innocente possono avere tutta la forza necessaria per costruire il futuro.

NOTE SULL’AUTORE

Nicolò Govoni, classe 1993, è uno scrittore e attivista per i diritti umani originario di Cremona. All’età di 20 anni inizia la sua prima missione di volontariato in un orfanotrofio in India, dove resta per quattro anni, durante i quali si laurea in Giornalismo.

Nel 2018 si sposta sull’isola di Samos, in Grecia, e fonda Still I Rise, un’organizzazione umanitaria che apre scuole di emergenza e scuole internazionali per i bambini più vulnerabili e operativa tra Grecia, Nord Ovest della Siria, Kenya e Repubblica Democratica del Congo. Still I Rise è la prima no-profit al mondo a offrire gratuitamente il percorso di International Baccalaureate ai minori profughi.

Nel 2020 Nicolò viene nominato per il Premio Nobel per la Pace per il suo impegno a favore dell’educazione e della protezione dei bambini rifugiati e gli viene conferito il Premio CIDU per i Diritti Umani dal Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Presidente e Direttore Esecutivo di Still I Rise, oggi Nicolò vive in Kenya e dirige le operazioni dell’organizzazione in quattro continenti.

Con Rizzoli, ha pubblicato Bianco come Dio (2018), Se fosse tuo figlio (2019), il libro fotografico Attraverso i nostri occhi (2020), Fortuna (2021) e Ogni cambiamento è un grande cambiamento (2022).