Categorie: Attualità Emilia RomagnaModena

Modena: studenti danneggiano con motosega i giochi del parco

Tutti italiani e minorenni hanno trovato l’attrezzo abbandonato. Individuati dalla Polizia municipale, solo una volta al Comando hanno capito la gravità del gesto

MODENA – Un gioco stupido quanto pericoloso che li ha portati a creare danni significativi all’area giochi di un parchetto cittadino e per alcuni a una denuncia.

Solo una volta al Comando della Polizia Municipale pare che i ragazzi, tutti incensurati e studenti delle scuole superiori, abbiano capito la gravità del gesto compiuto e se ne siano pentiti dichiarandosi disponibili a risarcire il danno.

Tutto è iniziato nel tardo pomeriggio di sabato 27 maggio quando un gruppo di sei giovani – quattro ragazzi e due ragazze – di nazionalità italiana e non residenti in zona, tutti studenti che frequentano regolarmente le scuole superiori, ha trovato una motosega nascosta in un cespuglio nel parchetto tra le vie Tenco e Leopardi.

Forse per noia forse per fare colpo sulle ragazze un po’ più grandi presenti nel gruppetto, dopo aver impiegato parecchi sforzi per accenderlo, alcuni hanno usato l’attrezzo contro gli arredi pubblici.

Ad essere danneggiata è stata soprattutto l’altalena, di cui hanno tagliato un palo, ma anche la pedana in gomma su cui sono collocati i giochi e una panchina nelle vicinanze. Ha dato l’allarme un cittadino che ha chiamato la Polizia municipale, mentre i ragazzi sono fuggiti abbandonando la motosega.

Grazie ad un accurato lavoro di indagine e alla collaborazione dei residenti, anche di altri giovani ascoltati dagli agenti nei giorni successivi, la Polizia giudiziaria è riuscita a risalire agli autori dei danneggiamenti e a contattare le famiglie.

Nei giorni successivi, uno alla volta tutti i ragazzi si sono presentati al Comando di via Galilei accompagnati dai genitori, tutti molto arrabbiati per quanto fatto dai figli. Hanno rilasciato dichiarazioni spontanee su quanto avvenuto e tre di loro, tutti minorenni tra i 16 e i 17 anni, sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria per il reato di danneggiamento aggravato al patrimonio pubblico.

Resta da capire chi possa aver abbandonato nel parco la motosega ora sotto sequestro; il codice di riferimento dello strumento risulta abraso, quindi non si è potuti risalire al proprietario attraverso il produttore, né risulta oggetto di denuncia di furto, anche se non si esclude che possa essere rubata.

Condividi
Pubblicato da
Roberto Di Biase

Articoli recenti

26 ottobre 2018 – Pietro Barilla e Ingegneria, una storia lunga 30 anni

PARMA - Venerdì 26 ottobre 2018 è in programma l’evento “Pietro Barilla e Ingegneria, una storia lunga 30 anni” che…

8 ore passati

Le commissioni di domani a Palazzo d’Accursio

Mercoledì 26 settembre, nella sala Renzo Imbeni di Palazzo d'Accursio, sono in programma due sedute BOLOGNA - Mercoledì 26 settembre,…

8 ore passati

28 settembre: a “Parma prende la laurea” si parla di “Comunità inclusiva”

Alle 10 nell’Aula Magna dell’Università il secondo appuntamento della rassegna organizzata da Ateneo e Comune di Parma nell'ambito del progetto…

8 ore passati

Contributo economico per i danni causati dalle avversità atmosferiche del 10 agosto e 14 dicembre 2017

Il 23 ottobre scadono i termini per la presentazione della domanda FORLÌ - Con Delibera del Consiglio dei Ministri del…

9 ore passati

Servizio civile volontario in Comune a Piacenza, entro venerdì 28 settembre le domande

PIACENZA - Ancora pochi giorni di tempo – entro venerdì 28 settembre – per presentare la propria candidatura allo svolgimento…

10 ore passati

Oggi riunione del Consiglio di quartiere Santo Stefano

Martedì 25 settembre la seduta è in programma, alle 18.30, in via Santo Stefano 119 BOLOGNA - Martedì 25 settembre…

10 ore passati

L'Opinionista © 2008 - 2018 - Emilia Romagna News 24 supplemento a L'Opinionista Giornale Online
reg. tribunale Pescara n.08/2008 - iscrizione al ROC n°17982 - P.iva 01873660680
Contatti - RSS - Archivio news - Privacy Policy - Cookie Policy

SOCIAL: Facebook - Twitter - Google Plus - Pinterest

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice