Modena: prevenzione dei reati, presto altri sportelli non da soli

L’obiettivo è facilitare l’accesso al Fondo di risarcimento alle vittime. Convenzione rinnovata con Comitato Modena Est e Centri anziani Buon Pastore e San Faustino

MODENA – Sono state 187 nel 2018, per un totale di oltre 30 mila euro di contributi erogati, le domande di risarcimento presentate da vittime di piccoli reati agli Sportelli Non da soli e accolte dal Fondo finanziato dal Comune di Modena. Già oltre un centinaio le domande accolte nel 2019 dal Fondo che la Giunta ha da poco rifinanziato per altri 7.500 euro; per far fronte alle richieste, il Fondo Non da soli viene infatti periodicamente finanziato dal Comune.

Presto altri Sportelli Non da soli potranno aggiungersi ai tre tuttora in attività presso il Centro Sociale Anziani e Orti San Faustino di via Leonardo Da Vinci 158, il Centro Sociale Anziani e Orti Buon Pastore di via Panni 202 e il Comitato Cittadini Modena Est in piazza Liberazione 13.

Lo stabilisce la delibera di Giunta con cui l’amministrazione comunale ha approvato il rinnovo del Protocollo d’intesa con le tre associazioni di volontariato che gestiscono gli Sportelli coordinati dall’Ufficio Politiche della Legalità e delle Sicurezze del Comune. Presso gli sportelli i volontari offrono consulenza e sostegno alle vittime di alcune fattispecie di reato (scippo o borseggio, furto o tentato furto in appartamento, garage o su un veicolo; furto di documenti o delle chiavi di casa) e spiegano come presentare le domande di risarcimento che d’ora innanzi saranno liquidate direttamente dall’amministrazione comunale. Inoltre, con l’aiuto dei volontari vengono frequentemente organizzate iniziative di informazione e sensibilizzazione per la prevenzione dei reati.

Considerato che negli anni è notevolmente aumentato l’accesso al Fondo di risarcimento alle vittime (furono 104 le richieste accolte nel 2014), si prevede quindi un potenziamento della rete degli Sportelli Non da soli attraverso l’attivazione del servizio presso altri luoghi della città per facilitare l’accesso al Fondo. Per presentare richiesta di risarcimento occorre essere in possesso della denuncia di reato; presentare la domanda e le ricevute fiscali delle spese sostenute per la riparazione dei danni materiali subiti o per la duplicazione dei documenti personali rubati entro 90 giorni dalla denuncia di reato. La documentazione va presentata presso uno degli sportelli Non da Soli o all’Ufficio Politiche per la Legalità e le Sicurezze; moduli, regolamento e materiale informativo si possono scaricare all’indirizzo Internet www.comune.modena.it/politichedellesicurezze.