Modena: allarme maltempo, i ponti sulla Secchia rimangono chiusi

La piena, tra le più alte registrate, è transitata. Per tutta la notte prosegue il monitoraggio dei corsi d’acqua del nodo idraulico modenese, in particolare del Secchia

Municipio-Comune-ModenaMODENA – Rimangono chiusi a scopo precauzionale per tutta la notte tra martedì 12 e mercoledì 13 dicembre ponte Alto a Modena, il ponte dell’Uccellino e ponte Motta a Cavezzo, sulla strada provinciale 468, così come ponte vecchio di Navicello.

Anche il ponte sul Secchia tra la tangenziale di Modena (uscite 11 e 12) e la sp 413 nazionale per Carpi rimane chiuso per ora, ma sarà il Centro unificato di protezione civile a decidere l’eventuale riapertura nelle prossime ore.

Per tutta la notte prosegue anche l’attività di monitoraggio degli argini attuata dal sistema di Protezione civile che sta presidiando l’evolversi della situazione di criticità idraulica iniziata dalla giornata di lunedì con la piena del Secchia che, transitata a ponte Alto nel primo pomeriggio di martedì 12 dicembre, ha toccato livelli tra i più alti mai registrati. Alti anche i livelli del Panaro, ma senza particolari criticità.

Nel corso della giornata i tecnici comunali, quelli della Protezione civile e di Aipo, con l’aiuto di unità dell’Esercito, sono intervenuti per alcuni fontanazzi e per evitare tracimazioni degli argini in diverse zone del fiume, soprattutto nella zona di Ponte Alto.

A partire dalla mattinata a causa della chiusura dei ponti, della rotatoria di Lesignana San Pancrazio prima e poi della chiusura delle uscite 11 e 12 della tangenziale di Modena in direzione Carpi, si sono verificati disagi nei collegamenti tra Modena e Carpi. Alcune difficoltà si sono registrate anche tra Modena, Bomporto e Bastiglia.

Nel corso della mattinata di martedì, in vista della fase acuta di piena, i cittadini delle località di San Pancrazio, Lesignana, Villanova e Ganaceto sono stati invitati a salire ai piani alti (e a spostare i propri beni da terra). In zona San Matteo, stradello Alzaia, zona Tav, i cittadini sono stati invitati precauzionalmente ad allontanarsi. Anche alcune aziende dell’area hanno deciso di sospendere l’attività nel primo pomeriggio.

Le scuole non sono state chiuse e le attività didattiche si sono svolte normalmente. Domani, mercoledì 13 dicembre, gli istituti scolastici saranno regolarmente aperti. Per le persone che abitano nelle zone interessate i Servizi sociali hanno allertato l’assistenza domiciliare.