Le vie della parola

14

Il 25 aprile primo appuntamento dedicato alla parola Resistenza per la quarta edizione della rassegna. Le altre tre parole chiave sono: Ragione, Iconico, Innovazione

BOLOGNA – Al via il 25 aprile la quarta edizione di Le vie della parola, la rassegna promossa da Cubo Unipol in collaborazione con il settore Biblioteche del Comune di Bologna e con Società editrice il Mulino nell’ambito del Patto per la Lettura di Bologna, dedicata ai libri, a chi legge e alle persone che sono in cerca di strumenti per trovare nuove chiavi di lettura del presente che ci raccontino il nostro tempo in modo originale.

L’intento della quarta edizione è intraprendere un viaggio, non solo letterario, lungo la via percorsa da quattro parole chiave che mettono in luce aspetti del passato e del presente che ci consentono di tracciare una linea verso il futuro che vogliamo disegnare.

Quattro incontri su quattro parole da scomporre e ricomporre, usate, abusate, trendy, che appaiono, scompaiono, parole chiave, parole passepartout.
Quattro occasioni per approfondire, raccontare, conoscere, riconoscere.
Ospiti dell’edizione 2022 saranno Benedetta Tobagi, Vasco Brondi, Massimiliano Valerii, Antonietta Mira, Daniele Donati, Riccardo Falcinelli, Veronica Ceruti, Antonio Nicita e Ludovica Lugli.
Tutti gli incontri sono organizzati in presenza tra gli spazi di Cubo e la Sala Stabat Mater dell’Archiginnasio.
Gli incontri verranno anche trasmessi in streaming sul sito e sui canali social di Cubo.
La prenotazione è necessaria solo per assistere all’evento in presenza. Per maggiori informazioni scrivere a: laboratori@cubounipol.it
Durante gli incontri alla Biblioteca dell’Archiginnasio sarà attivo un punto vendita libri a cura di Librerie Coop Zanichelli.

Programma

Lunedì 25 aprile, ore 18
Mediateca negli spazi di Cubo in Porta Europa – Piazza Vieira de Mello 5
Resistenza
In occasione della Festa della Liberazione d’Italia ricordiamo cosa simboleggia il 25 aprile e quanto sia ancora importante resistere.
Libertà, Democrazia, Consapevolezza, Speranza: quali i motivi che ci hanno spinto a ribellarci e a partecipare alla lotta per la liberazione?
Il linguaggio della scrittura e della musica si intrecciano per ritrovare la “pura luce”, la stessa descritta da Pier Paolo Pasolini nella poesia “La resistenza e la sua luce” indagando anche sul ruolo della donna nelle grandi guerre, passate e presenti, come partigiane, staffette e combattenti.
Con Benedetta Tobagi e Vasco Brondi.

Mercoledì 4 maggio, ore 18
Sala Stabat Mater dell’Archiginnasio – Piazza Galvani 1
Ragione
Il 55° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese evidenzia come le tante aspettative tradite nell’ultimo periodo di crisi sanitaria, economica e sociale abbiano generato il sonno della ragione, provocato una fuga nel pensiero magico e alimentato il negazionismo storico e scientifico.
L’irrazionale ha infiltrato il tessuto sociale e gli scetticismi individuali trovando spazio nel discorso pubblico, scalando trending topic, classifiche di vendita dei libri, occupando le prime serate televisive.
Intervengono Massimiliano Valerii e Antonietta Mira. Modera Daniele Donati.

Mercoledì 11 maggio, ore 18
Sala Stabat Mater dell’Archiginnasio – Piazza Galvani 1
Iconico
L’aggettivo iconico – dal greco eikon, immagine – è sempre più utilizzato e ha finito per invadere ogni campo della lingua; ormai persino la parola “iconico” è divenuta iconica, un termine “di moda” per etichettare l’oggetto che si vuole indicare come rappresentativo di un insieme più ampio: un periodo, una cultura, luogo o corrente ma spesso banalizzando e semplificando.
In quella che viene definita “l’età dell’immagine” occorre invece riconoscere e riscoprire proprio la complessità degli elementi che emerge dalla lettura di un’immagine.
Intervengono Riccardo Falcinelli e Veronica Ceruti.

Mercoledì 18 maggio, ore 18
Sala Stabat Mater dell’Archiginnasio – Piazza Galvani 1
Innovazione
Il momento di massima disponibilità di informazioni corrisponde, fatalmente, al trionfo della disinformazione: le notizie false sembrano sempre più credibili. L’informazione non è libera e le idee si presentano come in un mercato, dove fatti verosimili vengono venduti e comprati.
Servono nuove regole per riconciliare libertà d’espressione e buon funzionamento della democrazia e serve una maggiore attenzione alla qualità delle fonti e delle professioni legate all’informazione e alla mediazione editoriale.
Intervengono Antonio Nicita e Ludovica Lugli.

Bio ospiti

Vasco Brondi cantautore e scrittore, esordisce nel 2007 con il progetto Le luci della centrale elettrica, dal 2019 continua la sua carriera come solista, pubblica nel 2021 l’album Paesaggio dopo la battaglia. Affianca all’attività di cantautore quella di scrittore di racconti e fumetti.
Veronica Ceruti, direttrice del Settore Biblioteche del Comune di Bologna-Dipartimento Cultura e Promozione della Città, coordina progetti integrati di welfare culturale e rigenerazione urbana. È stata Responsabile del Dipartimento Educativo dell’istituzione Bologna Musei e docente presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna.
Daniele Donati è professore associato all’Università di Bologna, dove svolge le sue ricerche nell’ambito del diritto amministrativo e pubblico con particolare interesse per le forme dell’autonomia locale, per la comunicazione, i media, la digitalizzazione dell’amministrazione, la sussidiarietà orizzontale e la relazione tra clima, produzione culturale e istituzioni pubbliche.
Riccardo Falcinelli è tra i più apprezzati graphic designer italiani. Insegna Psicologia della percezione presso la facoltà di Design ISIA di Roma. Nel 2011 ha pubblicato con Stampa Alternativa & Graffiti Guardare. Pensare. Progettare. Neuroscienze per il design. Per Einaudi Stile Libero ha pubblicato Critica portatile al visual design (2014), Cromorama (2017) e Figure (2020). Per Piccola Biblioteca Einaudi ha curato Filosofia del graphic design, in uscita a marzo 2022.
Ludovica Lugli è una giornalista del quotidiano online il Post. Ha curato il secondo e il terzo numero della rivista del Post Cose spiegate bene edita da Iperborea.
Antonietta Mira è professore ordinario di Statistica all’Università della Svizzera italiana (USI) di Lugano e all’Università Insubria di Como, direttrice del Data Science Lab, da lei fondato nel 2018.
Antonio Nicita è docente di Politica Economica presso il Dipartimento di Economia e Diritto dell’Università La Sapienza di Roma. È tra i fondatori della Società Italiana di Diritto ed Economia e autore di vari articoli e libri, nel 2021 pubblica Il mercato delle verità. Come la disinformazione minaccia la democrazia, edito da Il Mulino.
Benedetta Tobagi, scrittrice e storica, collabora con il quotidiano la Repubblica ed è conduttrice radiofonica. È dottore di ricerca in Storia presso il Dipartimento di italianistica dell’Università di Bristol e borsista di ricerca presso l’Università di Pavia. Dal 2012 al 2015 è stata membro del consiglio di amministrazione della RAI.
Massimiliano Valerii è direttore generale del Censis. Dopo gli studi in Filosofia a Roma, si è dedicato alla ricerca sociale, economica e territoriale. È autore di La notte di un’epoca (2019) e Il contagio del desiderio (2020), entrambi pubblicati da Ponte alle Grazie.