L’Appennino punta sulla bike economy

21

REGGIO EMILIA – Tre piste ciclabili, in aree panoramiche e altamente suggestive dell’Appennino, per salvaguardare e valorizzare ulteriormente l’ambiente, ma anche per non sprecare l’opportunità di rilancio offerta dal vero e proprio boom turistico che, in quest’estate post-lockdown, si è registrato in tutta la montagna reggiana. Saranno realizzate dal Parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano – d’intesa con la Provincia di Reggio Emilia ed i Comuni interessati – da Cerreto Laghi al Passo, lungo la Gatta-Pianello nella valle dei Gessi triassici e dal borgo di Sologno a Minozzo e Villa.

I tre progetti, candidati dal Parco nell’ambito del programma “Parchi per il clima” in adesione ai bandi e criteri del Ministero dell’Ambiente per gli anni 2020/2021, ammontano complessivamente a 1 milione e 360.000 euro e saranno realizzati, si conta entro un paio d’anni, grazie a un comitato di coordinamento composto da Provincia di Reggio Emilia, Parco nazionale, Comuni di Ventasso e Villa Minozzo. E proprio a Palazzo Allende il protocollo tra i quattro enti è stato presentato questa mattina dai presidenti di Provincia e Parco, Giorgio Zanni e Fausto Giovanelli, e dai sindaci Antonio Manari ed Elio Ivo Sassi.

“E’ un progetto ambizioso, che coinvolge gran parte del nostro Appennino e che ci permette di proseguire un percorso di valorizzazione della nostra montagna che abbiamo avviato da tempo – ha detto il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giorgio Zanni – Lo faremo attraverso la mobilità dolce, che da sempre rappresenta un fiore all’occhiello dei reggiani e per la quale investiamo 1,5 milioni all’anno, per sostenere ulteriormente un territorio ricco di eccellenze, ambientali ed eno-gastronomiche, che rappresenta una importante vetrina della nostra provincia”.

“Saranno le prime ciclabili dell’Appennino, a loro modo opere emblematiche per la nostra montagna, in grado di aprire la strada a nuovi turismi”, ha sottolineato il presidente del Parco nazionale, Fausto Giovanelli, illustrando nel dettaglio i tre progetti: la pista in alta quota che da Cerreto Laghi porterà fino al Passo (728.000 euro), quella che costeggerà la Gatta-Pianello nei pressi delle Fonti di Poiano (432.000 euro) e che, un domani, potrebbe connettersi alla Fondovalle del Secchia e la via “di estrema qualità panoramica” che da Sologno, un borgo nel perimetro del Parco, raggiungerà Villa (200.000 euro).

“Il nostro Appennino sta entrando nella bike economy e può competere con Svizzera e Alto Adige in un settore con enormi potenzialità, non solo turistiche”, ha aggiunto Giovanelli sottolineando come “la bicicletta stia diventando un marchio più appetibile dello sci e come le piste ciclabili, oggi, rivestano la stessa importanza che avevano un tempo gli impianti di risalita”.

“Il turismo rappresenta una voce fondamentale per i comuni di crinale e questa estate abbiamo registrato un numero di presenze davvero enorme, abbiamo avuto alberghi e ristoranti quasi sempre pieni, ma anche tanti acquisti di unità abitative da parte di persone che da anni non frequentavano più questi territori”, ha detto il sindaco di Ventasso, Antonio Manari, ricordando anche l’importante lavoro che, con alcuni imprenditori e un finanziamento dell’Unione montana, “si sta compiendo per potenziare le piste ciclabili fuori strada, con ormai quasi 100 chilometri percorribili in carraie o boschi, o, grazie proprio alla sensibilità del Parco, per ristrutturare e rilanciare il palaghiaccio, un polo di attrazione che non ha eguali in tutta la regione”.

“I turisti sono tornati a frequentare l’Appennino reggiano, ora dobbiamo essere bravi a non perderli e ci riusciremo solo rendendo sempre più appetibile questo territorio”, ha concluso il sindaco di Villa Minozzo, Elio Ivo Sassi, per il quale “la nuova pista ciclopedonale che da Sologno porterà a Villa è un ottimo modo per fare nuovo turismo e, contemporaneamente, dare una risposta alle esigenze delle sempre più numerose persone che, grazie alla nuova tendenza delle e-bike, vogliono percorrere in sicurezza le belle strade che attraversano le nostre montagne”.

La progettazione dei tre nuovi percorsi, che in parte già stata affidata, sfrutterà anche le nuove norme del Decreto semplificazione che introducono le corsie ciclabili – spazi riservati a ciclisti su strade ordinarie, con semplice segnaletica orizzontale – di più facile realizzazione e comunque valide su strade poco trafficate come quelle dell’Appennino.