L’addestramento dell’unità cinofila porta nuovi risultati: altri 100 grammi di hashish sottratti ai pusher di via Baluardi

7

Proseguono gli interventi per il controllo del territorio e la formazione dei due ‘agenti a 4 zampe’

FERRARA – Giorni intensi per il nucleo cinofilo della Polizia Locale Terre Estensi che nella settimana appena trascorsa ha alternato il continuo controllo del territorio a corsi di retrainig per mantenere sempre  operativi i due ‘agenti a 4 zampe’ ed i loro conduttori. Martedì infatti l’unità cinofila ha dapprima collaborato con la stazione dei Carabinieri di Pontelagoscuro per la bonifica dell’area di via del Lavoro (successivamente posta sotto sequestro dai Militari dell’Arma), per poi mettersi in viaggio per Treviso dove, al centro cinofilo “Malanoche” di Fanzolo, si è svolto un vero e proprio retraining intensivo per i quadrupedi, i conduttori e i co-conduttori. Un pomeriggio di addestramento con istruttori di livello nazionale e colleghi della Regione Veneto che ha consentito uno scambio di esperienze e consigli operativi. Il tempo di rientrare e il giorno successivo è proseguito il consueto servizio di controllo nelle zone calde della città.

Il fiuto dei cani ha permesso il rinvenimento in via Baluardi di un etto di hashish diviso in diverse dosi pronte per lo spaccio. Tutto questo è fonte di soddisfazione per l’Amministrazione Comunale e per il Corpo di Polizia Locale così come l’ormai assidua collaborazione con le altre Forze dell’Ordine anche fuori dal Comune di Ferrara che sottolineano che l’impegno profuso nel lavoro svolto ha dato risultati importanti.

Nella mattinata di giovedì il Comando Terre Estensi ha autorizzato l’impiego dell’Unità Cinofila per un servizio congiunto con la Compagnia dei Carabinieri di Portomaggiore per il controllo del territorio e il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nell’area di Migliarino e zone limitrofe. Successivamente, con il Comandante della Stazione locale, nella scuola media di Migliaro si è svolto un incontro formativo e preventivo con le classi terze, durante il quale gli alunni hanno potuto osservare come lavora un cane antidroga, interagire con l’animale e fare domande ai Militari dell’Arma e ai componenti dell’unità cinofila. Non è poi mancato, nel pomeriggio, l’impegno nella zona di Pontelagoscuro: un’altra parte della città che l’Amministrazione non vuole lasciare sola.