#laculturanonsiferma. Si celebra la Giornata Internazionale della Danza

Mercoledì sui canali del grande festival digitale organizzato dalla Regione: dai Trocks a Carolyn Carlson, un’intera programmazione dedicata a questa forma espressiva

BOLOGNA – E’ la Giornata Internazionale della Danza, una festa promossa dall’International Dance Council dell’Unesco che accomuna tutti i Paesi del mondo, al centro della programmazione de #laculturanonsiferma, il grande festival multimediale promosso dalla Regione Emilia-Romagna in collaborazione con il mondo della cultura regionale. Un festival tutto dedicato a chi, costretto a casa dalle misure di contenimento dell’epidemia da Coronavirus, voglia fruire il meglio della programmazione culturale prodotta in regione.

logo regione emilia romagnaL’intero programma del 29 aprile sarà dedicato ai grandi interpreti internazionali, per un evento creato in collaborazione con Ater Fondazione. Si apre con Chotto Desh di Akram Khan, adattamento per bambini basato sul celebre assolo di Akram Khan Desh del 2011, per continuare con Rocco, coreografia di Emio Greco e Pieter C. Sholten, che con la co-produzione del Ballet National de Marseille portano in scena Rocco, un lavoro con protagonisti quattro danzatori che è anche una riflessione sul pugilato e le migrazioni a partire dal film “Rocco e i suoi fratelli” di Luchino Visconti.

La giornata prosegue con la danza irriverente e la comicità contagiosa dei Trocks, così è universalmente conosciuto Les Ballets Trockadero de Monte Carlo, dissacrante compagnia tutta al maschile nel 1974 in una sala “off-off- Broadway” dal sogno di un gruppo di danzatori devoti alla grande tradizione coreutica, che decidono di appropriarsi anche dei ruoli femminili e mettere in scena “en travesti” le pagine più belle del balletto classico. Vedremo due loro classici: Paquita e il Lago dei Cigni.

Il prestigioso Bejart Ballet Lausanne propone Syncope, coreografia di Gil Roman, attuale direttore della compagnia designato dallo stesso Maurice Béjart.

Indiscussa regina della danza mondiale, coreografa, pedagoga, direttrice artistica, poetessa e filmaker, Carolyn Carlson propone Immersion, visione affascinante di una danza mossa dalla forza vitale dell’elemento acqua. Quindi Dialogue with Rothko, incontro di Carolyn Carlson con l’opera di Mark Rothko e infine Now, coreografia ispirata al testo “La poétique de l’espace” del filosofo francese Gaston Bachelard.

Ma il programma da oggi a mercoledì non si esaurisce qui. Segnaliamo lunedì 27 aprile Davai, di Masque Teatro (Santarcangelo 2004), progetto nato dall’incontro tra la compagnia Masque e Santarcangelo dei Teatri, ispirato al fim Andrei Rublev di Andrei Tarkovskij.

E poi per la musica (martedì 28 aprile, alle 20.00), l’artista inglese Sarah Jane Morris e tanto jazz con il Ferrara Jazz Club che propone il concerto del Molinari Quartet. La Maratona del Jazz proposta dal Bologna Jazz Festival anche per sostenere la campagna regionale di raccolta fondi per l’emergenza sanitaria e i musicisti coinvolti, continua con le esibizioni quotidiane: domani l’appuntamento è con Giulia Lorvich.

Infine Casa Bentivoglio, da noi a voi sulle note del Jazz, con diretta streaming martedì 28 aprile con Dino Rubino, piano solo (da Catania).

Gli eventi andranno on line sulle piattaforme regionali di EmiliaRomagnaCreativa (www.emiliaromagnacreativa.it) e Lepida Tv www.lepida.tv, canale YouTube LepidaTV OnAir, oltre che sul canale 118 del digitale terrestre e sul 5118 di Sky e sulle pagine web e social degli operatori culturali coinvolti nell’evento.

I programmi potranno subire variazioni, gli aggiornamenti sul portale www.emiliaromagnacreativa.it