“La telemedicina nel rapporto medico-paziente”: in sala Agnelli domande e riflessioni di Stefano Tugnoli e Stefano Caracciolo

6

Giovedì 16 maggio 2024 alle 17 conferenza in via Scienze e in diretta video sul canale youtube Archibiblio web

FERRARA – Sarà il tema della medicina “a distanza”, con le problematiche e gli interrogativi che esso suscita, l’argomento al centro della nuova conferenza del ciclo di incontri ‘Anatomie della mente’ in programma giovedì 16 maggio 2024 alle 17 nella sala Agnelli della biblioteca Ariostea (via Scienze 17 Ferrara).

Ad approfondire l’argomento saranno Stefano Tugnoli (Psicoterapeuta e Psicoanalista associato della Società Psicoanalitica Italiana) e Stefano Caracciolo (già Professore Ordinario di Psicologia Clinica, Università di Ferrara).

Il ciclo di incontri, al suo diciassettesimo anno, è aperto a tutti gli interessati ed è organizzato in collaborazione con la Sezione di Neurologia, Psichiatria e Psicologia Clinica della Facoltà di Medicina, Farmacia e Prevenzione dell’Università di Ferrara.

L’incontro potrà essere seguito anche in diretta video sul canale youtube Archibiblio web.

LA SCHEDA (a cura degli organizzatori)
“Il progresso tecnico e scientifico degli ultimi decenni ha consentito alla medicina di disporre di strumenti sempre più sofisticati per effettuare procedure diagnostiche e terapeutiche ‘a distanza’ dal paziente, senza la stretta necessità dell’incontro fisico – anticipa il Professor Caracciolo -.  Il rapporto medico-paziente trova oggi nella comunicazione tecnologicamente mediata uno spazio ricco di risorse, in grado di migliorare l’efficacia dell’intervento, aumentando però la complessità della pratica clinica e con importanti implicazioni per quanto riguarda la relazione tra il paziente e il professionista della salute. La pandemia da Covid-19 e le limitazioni imposte nei periodi di lockdown, hanno inevitabilmente amplificato il ricorso alle tecnologie che consentono lo scambio di informazioni e l’intervento clinico ‘da remoto’: medico e paziente situati in due luoghi diversi, senza che questa distanza impedisca una immediatezza dell’azione.  In particolare, il campo dell’intervento sulla salute mentale sta vedendo, a seguito della pandemia, uno sviluppo poderoso degli interventi a distanza, dalle consultazioni psichiatriche ai trattamenti psicoterapici. Tutto questo non va, ovviamente, a sostituire l’approccio tradizionale, ma a quello va ad integrarsi, ampliando significativamente il campo delle possibilità di intervento. Basti pensare, ad esempio, al paziente con disabilità motorie o patologie croniche invalidanti che può incontrare grosse difficoltà nel raggiungere lo studio del terapeuta. Oppure al paziente adolescente che vive lo smartphone e la connessione online come parte integrante della propria dimensione esistenziale. Si tratta di un fenomeno non certo nuovo nella pratica psicoterapeutica (già negli anni ’50, negli Stati Uniti, c’erano analisti che facevano le sedute telefoniche), ma che in questi anni di pandemia ha assunto proporzioni tali da rendere necessario comprendere, sul piano scientifico, cosa effettivamente accade nella ‘seduta online’ e nella “relazione online” tra paziente e terapeuta. Alcuni studi sembrano confermare che la psicoterapia online può essere efficace tanto quanto quella attuata in presenza e che, almeno per alcune tipologie di pazienti, può risultare addirittura meglio praticabile. Sono però molteplici le problematiche e gli interrogativi che non possiamo trascurare: come si delineano, agli occhi dell’uno e dell’altro, la figura del terapeuta e quella del paziente in assenza dei loro corpi?  Cosa cambia in termini di qualità della comunicazione, nelle caratteristiche della relazione e nelle possibilità di contatto empatico tra persona che soffre e terapeuta convocato alla cura? La psicoterapia online è utilizzabile ed efficace per tutte le forme di disagio psicologico?”.

Il programma completo degli appuntamenti culturali della biblioteca comunale Ariostea di Ferrara alla pagina: http://archibiblio.comune.fe.it

Link diretto al canale youtube Archibiblio web con le dirette e l’archivio delle registrazioni degli incontri: https://www.youtube.com/channel/UC1_ahjDGRJ3MgG45Pxs90Bg