La prestazione superlativa di Bologna non basta

22

Macerata si aggiudica l’intera posta in palio

BOLOGNA – Geetit Bologna – Med Store Tunit Macerata 1-3 (25-21, 23-25, 23-25, 17-25)

Geetit Bologna: Lusetti 3, Vinti 13, Orazi 7, Lugli 20, Maletti 17, Grottoli 3, Gabrielli (L), Ballan 0, Govoni 0, Guerrini 0. N.E. Callegati, Donati, Oliva. All. Marzola.

 Med Store Tunit Macerata: Kindgard 4, Wawrzynczyk 21, Pizzichini 8, Morelli 14, Margutti 13, Luisetto 6, Ravellino 0, Gonzi 0, Gabbanelli (L). N.E. Bacco, Paolucci, De Col. All. Gulinelli.

ARBITRI: Cecconato, Papapietro. NOTE – durata set: 31′, 34′, 32′, 21′; tot: 118′.

Si è tenuta, domenica 11 Dicembre, la sfida tra la Geetit Pallavolo Bologna e la Med Store Tunit Macerata valevole per la 12° giornata del girone di andata.

La Geetit Pallavolo Bologna si dimostra una formazione quadrata, meritevole della fascia alta della classifica. La prestazione di altissimo livello non basta però per far fronte al gioco di Morelli e compagni incisivi in attacco come al servizio.

Vinto il primo parziale e sfuggito di poco il secondo, Bologna ha in mano le redini del gioco del terzo. Sul 15-10 il servizio del mvp Morelli, premiato dal match sponsor Despar, ristabilisce il vantaggio dei marchigiani, compromettendo l’intera gara.

Sfuma il sogno Coppa Italia e il quarto posto per la formazione delle due torri, che in campionato ha ancora tanto da dire.

Gulinelli schiera Kindgard e Morelli nella diagonale principale, Margutti e Wawrzynczyk in posto quattro, Luisetto e Pizzichini al centro con Gabbenelli libero.

Marzola risponde con il classico starting six confermatissimo nelle ultime 4 gare con Lusetti-Lugli, Maletti-Vinti, Grottoli-Orazi, Gabrielli.

Nel primo set Bologna trova subito il largo con Lugli sugli scudi. Nella fase centrale, sul turno al servizio di Kindgard, i marchigiani cercano di riagganciare i padroni di casa, ma questi, con un gioco corale, si portano avanti 1-0.

Il secondo parziale vede le due compagini inseguirsi punto a punto. Solo nella fase finale Macerata incalza i breakpoint decisivi che riaprono il match: 1-1.

Nella terza frazione di gioco Bologna mette la testa avanti imponendo il proprio gioco. Nella fase centrale, quando il parziale sembrava sorridere ai felsinei, Morelli al servizio ricuce lo svantaggio. Sul punto a punto ha la meglio la Med Store.

Il quarto e ultimo parziale vede una Bologna sottotono che si lascia travolgere dalla formazione marchigiana.

Il match in pillole:

Il match si apre con una grande impronta di Lugli che si impone subito per il 2-1. Ed è proprio nel turno al servizio dell’opposto veneto che Bologna trova il primo break-point del match sul 5-2. Morelli e Luisetto ricuciono fino al 6-5 con grande pressione in attacco. Luisetto è l’attaccante prediletto da Kindgard ma non basta per prevalere sul un Leonardo Lugli in grande spolvero. Il muro dello stesso segna il 10-7 e il primo time out del match su richiesta di Gulinelli. Al rientro Bologna si lascia sfuggire qualche disattenzione prima di tornare ad imporre il proprio gioco sia in fase offensiva che difensiva. Il muro di Lusetti in particolare segna il 15-10. La coppia Lusetti – Vinti scalda gli animi del pubblico, con il solito Lugli che in attacco è una bocca da fuoco.

Il turno al servizio di Morelli riaccorcia fino al 17-14 poi Vinti risponde ristabilendo il +4. Lusetti trova l’ace del 20-15 ma Macerata sul turno al servizio di Kindgard trova il break point che vale il 21-19. Marzola chiama il primo time-out del match sul 22-20 e Lugli risponde con il mani out del 23-20, poi Lusetti ferma a muro Morelli e regala ai suoi il primo setball del set. L’azione della chiusura è da cardio palma ma segna sul tabellone l’1-0 di Bologna.

Il secondo set si apre il equilibrio: 2-2. Bologna è fallosa in fase offensiva e Macerata allunga per il 3-5. Un errore ospite e un ottimo Lugli ristabiliscono gli equilibri: 6-6. Nella fase iniziale del parziale si registrano diversi errori da entrambi i lati del campo e si procede faccia a faccia fino al 12-12. L’ennesimo fallo avversario e l’ace di Maletti regalano ai petroniani il +2 sul 14-12 e il conseguente timeout biancorosso.

Al rientro Margutti trova il cambio palla e il turno al servizio di Morelli ristabilisce il pareggio sul 15-15. A mettere la testa avanti è ancora la squadra marchigiana e Marzola è costretto al timeout sul 17-19. Dapprima il timeout premia il rossoblu che incalzano il 19-19 ma ancora una volta Bologna soffre il servizio di Kindgard e Marzola chiama ancora i suoi alla panchina sul 19-21. La storia si ripete e Macerata trova il 21-23 fermando a muro Maletti. Margutti centra il centra il setpoint e il maniout di Morelli vale il 23-25.

Ad aprire la terza frazione di gioco è la potenza di Morelli che scardina la difesa rossoblu: 1-3. Entrambe le formazioni commettono diverse sbavature a rete come al servizio, quella di Wawrzynczyk in particolare segna il 7-7. Vinti e Maletti centrano il +2 e un gioco corale vale l’11-8 guadagnato sulla prima azione lunga del parziale. Maletti sale in cattedra trascinando i suoi sul 14-10 con una prestazione magistrale in attacco come a muro. La battuta di Morelli, con Bologna avanti di 5 lunghezze, mette nuovamente in difficoltà la seconda linea dei felsinei e Macerata ricuce 15-15. Il set, che era in mano ai felsinei, registra ancora lunghe fasi di equilibrio: 19-19. I numerosi errori locali consegnano alla Med Store il setpoint. L’ennesimo errore poi segna il 23-25.

Il quarto set si riapre con il classico faccia a faccia: 3-3. Macerata ferma a muro la pipe di Maletti, poi Morelli al servizio trova il 3-5. Lo schiacciatore Wawrzynczyk scardina le mani del muro di Bologna mentre questa commette troppi errori diretti: 6-9.

Pizzicchini ferma a muro Maletti poi Kindgard lo serve magistralmente e il centrale mette a terra il 7-11. Anche Margutti e Kindgard vanno a tabellino con un muro e costringono Marzola al timeout sul 9-14. Il coach Emiliano sostituisce Grottoli con Ballan e il suo servizio vale il 12-15. Non basta: Margutti trova il cambio palla poi Kindgard ferma a muro Vinti per il 12-17. Il set è ormai compromesso: i marchigiani sono cinici in fase offensiva mentre Bologna commette diversi errori: 14-20. Wawrzynczyk guida i suoi verso il 15-22. Mentre  Margutti trova il match point sul 17-24. Macerata chiude set e match 17-25, 1-3.

Lorenzo Gabrielli: “Siamo consapevoli che, soprattutto all’inizio, abbiamo fatto una buona partita con alti ritmi e pochi errori, come d’altronde bisogna giocare queste partite. Purtroppo il terzo set ci ha dato una bella mazzata. Abbiamo provato a reagire, ma, complimenti a loro, vittoria meritata.

Le interruzioni che ci sono state e la concentrazione calata, hanno compromesso il terzo set: non ce lo possiamo permettere contro squadre di questo calibro. Per quanto riguarda la Coppa Italia ovviamente ci credevamo ma il nostro obbiettivo rimane il campionato e daremo tutto per fare bene.”

Michele Morelli: “Noi abbiamo saputo soffrire oggi. Complimenti a Bologna perché, come abbiamo visto dai video, sono una squadra molto ostica e anche oggi l’hanno dimostrato. Hanno nell’organizzazione il loro punto di forza e quindi, oggettivamente, meritano il posto che hanno in classifica e i successi che stanno avendo. È stata una partita difficilissima, ci siamo trovati in difficoltà in diverse occasione, nel terzo set eravamo addirittura sotto di 5 punti. Siamo stati bravi a ricucire gli svantaggi con grande pressione al servizio e essere cinici anche nei momenti di difficoltà, cosa che fino ad adesso ci era venuta meno. Faccio i complimenti ad entrambe le formazione: se si va a vedere il computo totale dei punti è stata una gara giocate veramente testa a testa.”

Iniziative della giornata:

  • Despar, match sponsor, ha premiato l’mvp di giornata con prodotti griffati con il marchio despar
  • Ageop Ricerca, associazione che si impegna e progetta per curare e assistere i bambini malati di tumore e le loro famiglie, ha raccolto dei doni da devolvere ai bambini del reparto di oncologia.