La municipale di Modena: no a cellulare e tablet mentre si guida

I dispositivi elettronici sono una pericolosa causa di distrazione; vengono esaminati in caso di gravi incidenti. Dal 15 novembre nuova campagna per la sicurezza stradale

polizia-municipale-MODENA – Dal 15 al 21 novembre la Polizia Municipale di Modena effettuerà una nuova campagna mirata di sicurezza stradale finalizzata a contrastare l’uso del telefono cellulare durante la guida.

Utilizzare il telefono mentre si guida, non solo per telefonare ma anche per chattare sui social, mandare messaggi o navigare nel web è infatti un comportamento altamente pericoloso, in quanto tra le principali cause di distrazione e di incidenti stradali.

Partendo dalla constatazione dell’altissima pericolosità dell’uso di smartphone o tablet al volante, il Procuratore della Repubblica di Modena, ha recentemente diramato una direttiva che detta disposizioni alla polizia giudiziaria circa l’accertamento e l’esame dei dispositivi elettronici nel caso di incidenti stradali con esito mortale o lesioni gravi o gravissime.

Da giovedì e fino al prossimo mercoledì le pattuglie della Municipale appartenenti alle unità territoriali e al pronto intervento effettueranno controlli su strada in varie zone della città al fine di presidiare tutto il territorio comunale. La campagna rientra, più in generale, nell’ambito del programma comunale per la Sicurezza stradale che prevede interventi e azioni atte a sostenere e promuovere la mobilità sostenibile soprattutto in sicurezza.

Il comportamento del conducente che durante la marcia fa uso di apparecchi, quindi non solo per conversazioni ma per qualsiasi operazione che comporti distrazione e impegno della mano, è sanzionato dall’articolo 173 del Codice della Strada che prevede, oltre alla sanzione pecuniaria di 161 euro, la decurtazione di 5 punti dalla patente, nonché la sanzione accessoria della sospensione della patente da uno a tre mesi se la violazione viene commessa una seconda volta nel biennio.