“La lettera” di Paolo Nani il 16 novembre al Teatro Galli

6
PAOLO NANI – LA LETTERA – © Rosalba Amorelli

RIMINI – Una trama, una valigia di oggetti, quindi microstorie per un unico indiscusso protagonista del palcoscenico. La stagione del Teatro Galli prosegue ospitando Paolo Nani, uno dei più affermati attori e registi a livello internazionale del ‘teatro fisico’, che martedì 16 novembre (ore 21) porta a Rimini il suo spettacolo-icona, La Lettera. Dal 1992 questo spettacolo è rappresentato in tutto il mondo, dalla Groenlandia al Giappone, in Argentina e in Spagna, in Norvegia e in Italia con oltre milleottocento repliche. Un successo frutto del talento, della dedizione e della precisione di Nani e del meccanismo, piccolo e perfetto, su cui è costruito lo spettacolo.

La lettera è liberamente ispirato al libro dello scrittore francese Raymond Queneau Esercizi di Stile, scritto nel 1947, dove una breve storia è ripetuta novantanove volte in altrettanti stili letterari. Il tema è semplice: un uomo entra in scena, si siede a un tavolo, beve un sorso di vino che però sputa, contempla la foto della nonna e scrive una lettera. La imbusta, affranca e sta per uscire quando gli viene il dubbio che nella penna non ci sia inchiostro. Controlla e constata che non ha scritto niente. Deluso, esce.

La storia de La lettera si ripete quindici volte in altrettante varianti come: all’indietro, con sorprese, volgare, senza mani, horror, cinema muto, circo, e via dicendo. Solo sul palco con un tavolo e una valigia di oggetti, Paolo Nani dà vita a 15 micro storie, tutte con la medesima trama ma interpretate ogni volta da una persona diversa. Nell’arco di 80 minuti non lascia un attimo di respiro e inchioda lo spettatore: uno spettacolo che è dunque uno studio sullo stile, sulla sorpresa e sul ritmo, che vengono portati all’estremo della precisione ed efficacia comica, nella costante evoluzione dello spettacolo.

Paolo Nani risiede e lavora a Vordingborg in Danimarca dal 1990. Originario di Ferrara nel 1978 entra in contatto con la compagnia teatrale di origine argentina Teatro Nucleo, diretta da Cora Herrendorf e Horacio Czertok. Lavorerà con la compagnia fino al 1990, con spettacoli in tutta Europa. Nell’autunno dello stesso anno si stabilisce in Danimarca dove comincia una collaborazione con il Teatret Cantabile 2 diretto da Nullo Facchini, lavorando in “Stumfugle” (Primo Premio al Festival Impulse ´92, Germania), poi in “Helvede”, ispirato a Dante (premiato nel ’93 dall’Associazione Critici Danesi). Nel 1995 fonda la propria compagnia che denominerà Paolo Nani Teater.

Durante questi anni Paolo Nani, oltre a girare in lungo e in largo con i suoi spettacoli, approfondisce il suo lavoro di regia, produce e dirige diversi spettacoli, sviluppa il suo lavoro di pedagogia teatrale, organizzando workshops e  insegnando a diverse riprese in Italia, Norvegia, Islanda, Colombia e in scuole come la Scuola Teatro Dimitri, in Svizzera, La School of Stage Arts e la Scuola Nazionale di Teatro in Danimarca.

Ingresso unico 15 euro.

Biglietteria Teatro Galli (piazza Cavour 22, Rimini) tel. 0541 793811.

e-mail biglietteriateatro@comune.rimini.it

Biglietti on line su biglietteria.comune.rimini.it.

 

Paolo Nani in
LA LETTERA
ideazione Nullo Facchini e Paolo Nani
regia Nullo Facchini
produzione Agidi