Intitolato a Tina Zuccoli il bosco urbano di Vaciglio

4

Scoperta la targa che ricorda la maestra, viaggiatrice, naturalista e fotografa che per 20 anni portò nelle scuole del territorio modenese la sua passione e curiosità

MODENA – È stato intitolato a Tina Mazzini Zuccoli, maestra per 20 anni sul territorio modenese, ma anche viaggiatrice, naturalista e fotografa, il bosco urbano nel comparto Morane-Vaciglio.

Nel pomeriggio di oggi, sabato 2 ottobre, è infatti stata scoperta la targa a suo nome alla presenza del sindaco Gian Carlo Muzzarelli, del presidente del Consiglio Fabio Poggi, dell’assessore ai Lavori pubblici e presidente della Commissione toponomastica Andrea Bosi, dell’assessora all’Ambiente e alla Mobilità sostenibile Alessandra Filippi, della presidente del Quartiere 3 Maria Teresa Rubbiani, della figlia della maestra e fotografa Simonetta Zuccoli e della ex presidente dell’associazione Soroptimist di Modena Monica Iotti Olivi.

Tina Zuccoli, che insegnò sul territorio modenese tra gli anni Sessanta e Settanta, portò nelle classi la sua passione per i viaggi, la sua curiosità per il mondo naturale, per gli astri e per i viaggi spaziali, coinvolgendo gli scolari. Tra gli anni Cinquanta e Ottanta, infatti, la maestra esplorò durante numerosi viaggi le regioni artiche del Polo nord, sul quale scrisse decine di libri, partecipò al censimento degli orsi bianchi, studiò la flora e la fauna al nord del Circolo polare artico fino all’ottantunesimo parallelo. Zuccoli venne inoltre invitata negli Stati Uniti a Cape Canaveral per il lancio dell’Apollo 11. Esperta fotografa ha lasciato un ricco archivio di immagini che scattò insieme al marito: il Fondo Tina Zuccoli è conservato dalla Fondazione di Modena – FMAV Fondazione Modena arti visive. Fu ideatrice del Giardino Esperia dell’Appennino modenese, con un percorso tattile per i non vedenti e, nel 1992 ottenne la laurea honoris causa in Scienze naturali all’Università di Modena. Originaria di Imola, è morta a Modena nel 2006 a 78 anni.

La città di Modena ha deciso di ricordarla intitolandole appunto l’area di forestazione urbana in cui sono state piantumate lo scorso anno circa 8 mila piante tra alberi ad alto fusto (4 mila), arbusti e cespugli. Il bosco urbano che sorge nell’area prospiciente la Nuova Estense e si estende da strada Vaciglio centro fino a strada Morane, a fianco del comparto residenziale in corso di realizzazione, nel quale tre nuove strade saranno dedicate a Nilde Iotti, Felicia Bartolotti, e Alda Merini.