Inaugurazione della Targa alla Memoria di Maria Zamorani, pediatra, ebrea (Ferrara 1893 – Auschwitz 1944)

36

municipio-ferraraLunedì 8 marzo 2021 alle 11.30, nel viale centrale all’aperto dell’ex Arcispedale S. Anna di Ferrara (ingresso Corso della Giovecca 203)

FERRARA – Lunedì 8 marzo 2021 alle 11.30, nel viale centrale (area verde all’aperto) dell’ex Arcispedale S.Anna di Ferrara, ora Cittadella della Salute San Rocco (ingresso corso Giovecca 203), si terrà la cerimonia di inaugurazione della Targa della Memoria dedicata a Maria Zamorani.

Pediatra ebrea, durante l’ultima guerra mondiale nonostante la promulgazione delle leggi razziali con estremo senso del dovere Maria Zamorani continuò ad esercitare la professione nell’Arcispedale S.Anna, fino a quando nel 1944 fu deportata ad Auschwitz e non fece più ritorno.

L’iniziativa si colloca nell’ambito della Giornata Internazionale della Donna e rende omaggio e onore ad una figura femminile di alto profilo etico e professionale che ha contribuito con la vita a testimoniare la cifra dei principi di libertà, uguaglianza e democrazia.

Alla cerimonia interverranno, a fianco del docente Gianni Zamorani, parente prossimo di Maria della quale offrirà un suo ricordo, gli assessori del Comune di Ferrara alla Cultura Marco Gulinelli e alle Pari Opportunità Dorota Kusiak, il prefetto di Ferrara Michele Campanaro, il presidente della Comunità ebraica di Ferrara Fortunato Arbib, la direttrice generale dell’AUSL Monica Calamai e la presidente dell’ISCO-Istituto di Storia Contemporanea del Comune di Ferrara Anna Maria Quarzi. 

Parteciperanno inoltre rappresentanti dell’associazione Toponomastica Femminile (che ha sollecitato questa iniziativa), studentesse e studenti del Liceo Scientifico A.Roiti di Ferrara (all’interno dell’istituto nella mattinata di martedì 9 marzo è poi prevista un’azione formativa di storia sulle donne ferraresi deportate).

L’evento è ad invito e si svolgerà all’aperto nel pieno rispetto delle vigenti normative anti Covid19 sul distanziamento fisico e mascherine sul volto.