Inaugurano martedì 16 luglio le nuove installazioni green nella terrazza del Teatro Comunale

Comune di BolognaBOLOGNA – Martedì 16 luglio nel Foyer Rossini del Teatro Comunale di Bologna alle 19.30 si svolgerà l’incontro organizzato dal Settore Ambiente e Verde del Comune di Bologna, per presentare le nuove installazioni green della Terrazza del teatro, realizzate nell’ambito del progetto europeo ROCK che resteranno allestite fino al 30 novembre 2019.

Le nuove installazioni di piante e arbusti realizzate per la Terrazza sono uno dei risultati prodotti dai percorsi di co-progettazione previsti dal progetto europeo, in cui cittadini, studenti ed enti attivi nell’area universitaria hanno studiato, discusso e ideato azioni di riqualificazione e sviluppo degli spazi urbani.

Interverranno
Maurizio Boschini, Fondazione Teatro Comunale di Bologna
Roberto Diolaiti, Settore Ambiente e Verde del Comune di Bologna
Giovanni Ginocchini, Fondazione Innovazione Urbana
Danila Longo, Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna
Federico Lorenzi e Massimo Weigart, Laurea magistrale advanced design

Per l’occasione la stampa è invitata alla speciale visita guidata alla Terrazza riservata ai cittadini e agli studenti che hanno partecipato alle iniziative di co-progettazione che si volgerà a partire dalle ore 20.30.
Introduce Raffaella Gueze del Settore Ambiente e Verde del Comune di Bologna; conducono la visita guidata Riccardo Mercuri Università verde di Bologna – Centro Antartide e Serena Orlandi Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna.
Seguirà aperitivo.

Durante la serata saranno presentati inoltre i primi risultati della campagna di crowdfunding “Dai, piantala!” che, sempre nell’ambito delle linee indicate dal progetto ROCK, invita i cittadini a supportare il progetto delle nuove aree verdi di Piazza Scaravilli.

Il progetto europeo ROCK (Regeneration and Optimisation of Cultural Heritage in Creative and Knowledge Cities) è coordinato dal Comune di Bologna in collaborazione con altri 32 partner internazionali, ed è finanziato tramite il programma per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 dell’Unione europea. L’obiettivo del progetto è la definizione di una strategia condivisa per migliorare l’accessibilità, riscoprire il patrimonio culturale della zona universitaria e per definire azioni e buone pratiche per la sostenibilità ambientale.