In Viale Italia a Modena quasi 200 incidenti dal 2013

26

Nel 2021 oltre un centinaio le sanzioni per eccesso di velocità nei 127 controlli svolti con la strumentazione mobile. Le caratteristiche della strada inducono a non rispettare i limiti

MODENA – Viale Italia è una strada urbana di scorrimento con due corsie per senso di marcia e semicarreggiate separate; le intersezioni principali gestite da impianti semaforici e un’infrastruttura parallela, separata dalla sede stradale, è dedicata alle componenti pedonali e ciclabili. L’andamento quasi rettilineo e l’ampiezza della sede stradale, con poche intersezioni, comunque regolate da semaforo, possono indurre al mancato rispetto del limite di velocità imposto con ciò che ne consegue. Basti pensare che, a parità di condizioni, variando la velocità da 50 e 70 chilometri orari, come spiegano i tecnici, lo spazio d’arresto raddoppia, senza considerare il tempo di reazione. L’eccessiva velocità non è solo tra le più frequenti concause di incidenti stradali, ma anche tra i fattori che determinano maggiormente la gravità del sinistro.

Dal 2013 a oggi sono stati 178 gli incidenti stradali rilevati dalla Polizia locale in viale Italia, di cui tre con esiti mortali e 90 con feriti (complessivamente 131 le persone che sono dovute ricorrere a cure ospedaliere). Da qui i controlli e le campagne pianificate dal Comando di via Galilei contro l’eccesso di velocità. Dall’inizio dello scorso anno sono stati 27 i servizi di controllo svolti dalle pattuglie con strumentazione mobile, addirittura 362 quelli di diverso tipo; e sono state oltre un centinaio (112) le sanzioni elevate per eccesso di velocità.

Il nuovo autovelox consiste in un apparecchio per la rilevazione della velocità dei mezzi in transito su entrambe le corsie della medesima carreggiata con qualsiasi condizione atmosferica e di un’ulteriore telecamera di contesto che, collegata alle banche dati, leggendo la targa di veicoli, ne rileva anche l’eventuale assenza di copertura assicurativa e la mancata revisione periodica.