In Piazza Maggiore il ‘Graduation Day’ di Bologna Business School

27

887 diplomandi assistono allo speech di Bizzarri (Presidente CEO di Gucci)

Marco Bizzarri President and CEO Gucci © Piotr Niepsuj

BOLOGNA – Bologna Business School, la scuola di formazione manageriale dell’Università di Bologna, consegna il diploma a 362 studenti dei Master universitari e a 525 partecipanti agli Executive Master: accade nel primo anno in cui i Master della Scuola possono fregiarsi dell’accreditamento internazionale EQUIS, che raggruppa l’1% delle migliori business school al mondo.

La cerimonia si è svolta in Piazza Maggiore a Bologna riaccendendo la partecipazione della comunità universitaria e cittadina nel solenne appuntamento nel centro storico felsineo. Un momento di celebrazione, di incontro e riflessione sul futuro che ogni anno rinsalda il legame di BBS con il tessuto sociale e civile del territorio e rinnova la forte connessione che la unisce alla Città e alla regione Emilia-Romagna.

Convocati con le proprie toghe e i propri tocchi, i diplomandi hanno ricevuto la Graduation del Magnifico Rettore dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Giovanni Molari, e assistito agli interventi augurali dei massimi rappresentanti della Scuola, impreziositi dalla testimonianza d’impresa di Marco Bizzarri, Presidente e CEO di Gucci, keynote speaker della cerimonia.

A inaugurare la cerimonia è stato Romano Prodi, Presidente del Collegio di Indirizzo di Bologna Business School. “Vi accingete ad affrontare il mondo del lavoro nel momento più complicato e difficile dal secondo dopoguerra. Tutto cambia ad una velocità incredibile e sarà vostro compito comprendere questa complessità, senza paura nel futuro, ma consapevoli che sarete anche voi chiamati a immaginare e realizzare risposte e proposte nuove”, ha dichiarato il professor Prodi, rivolgendosi agli studenti.

Un master a BBS allena a prendere decisioni che hanno conseguenze per lo sviluppo delle persone, delle imprese e della società. I nostri giovani si sono preparati ad assumere questa responsabilità che, in un momento impegnativo come questo, segna la differenza tra semplici manager e veri leader” ha affermato Max Bergami, Dean di Bologna Business School.

A Marco Bizzarri, Presidente e CEO di Gucci, è stato affidato il Commencement Speech della manifestazione, l’intervento ispiratore rivolto alle studentesse e agli studenti che hanno appena concluso il loro percorso di formazione manageriale.

Sono onorato di avere la possibilità di condividere la mia esperienza con i giovani che oggi concluderanno il loro percorso alla Bologna Business School. Bologna è la città nella quale ho mosso i primi passi del mio viaggio lavorativo. Un viaggio che mi ha portato quasi ovunque nel mondo e permesso di fare incontri straordinari quanto inaspettati, di uscire dalla geografia delle mie radici e guidare un brand unico, come Gucci”, ha dichiarato Bizzarri. “Ai giovani un solo augurio: godetevi il viaggio, sappiate riconoscere le opportunità e quando potete, restituite quello che avete ricevuto.”

A concludere la cerimonia il riconoscimento del Magnifico Rettore dell’Università di Bologna, Giovanni Molari, che ha proclamato il successo accademico degli studenti: “L’Alma Mater Studiorum, orgogliosa della sua storia, della sua autonomia e della sua identità di grande Ateneo pubblico, da sempre annette la più grande importanza al dialogo con la società e con le imprese. Lo dimostriamo quotidianamente nella ricerca, nella didattica, nella terza missione. L’Università che non si apre all’impresa rinuncia a conoscere la società che la circonda. L’impresa che non si apre all’Università rinuncia alla prefigurazione di scenari che oggi appaiono visionari, ma domani saranno il presente. Sono certo che le diplomate e i diplomati della BBS, consapevoli di tutto questo, porteranno nelle loro professioni il tesoro di conoscenze, competenze e valori che hanno ricevuto, e si sentiranno sempre parte della comunità che li ha formati e avviati al mondo. Un mondo che dovranno contribuire a trasformare e migliorare”.