In mezzo scorre il Fiume il 3 luglio concerrto di Riccardo Tesi a Imola

11
Riccardo Tesi

IMOLA (BO) – Mercoledì 3 luglio 2024 è il musicista, compositore contemporaneo Riccardo Tesi ad inaugurare la sezione dedicata agli ospiti di fama internazionale di In mezzo scorre il Fiume, percorsi fra arte, musica e natura, il festival diretto da Luisa Cottifogli, che crea uno stretto dialogo tra musica, arte e natura in luoghi splendidi dell’Appennino tosco-romagnolo, fra Valsellustra, valli del Sillaro e del Santerno, del Senio, del Quaderna e scendendo anche in pianura nei comuni di Bagnara di Romagna, Casalfiumanese, Castel del Rio, Castel San Pietro Terme, Firenzuola, Fontanelice, Imola, Monterenzio, Mordano, Ozzano, Palazzuolo sul Senio, Riolo Terme.

La giornata, dal tema Tradizionale e contemporaneo, alle 18.30 vede nell’incantevole chiostro di Santa Maria in Regola a Imola (via Cosimo Morelli, 8), chiesa tra le più antiche della cittadina, l’artista pistoiese nel concerto dal titolo InSolo.

Solista di fama internazionale, Tesi ripercorre le tappe del proprio universo musicale; dall’amore per la musica tradizionale del centro-sud Italia alla passione per il jazz, passando per le proprie composizioni in cui conferma una ricerca personale ed innovativa, tesa ad allargare le possibilità espressive del suo strumento.

Organettista e compositore, è considerato uno dei musicisti più audaci e autorevoli della scena world europea, uno dei pionieri della riscoperta dell’organetto diatonico in Italia, strumento popolare del quale ha rivoluzionato il linguaggio e ampliato il vocabolario al di là della tradizione.

Nel corso della sua quarantennale carriera ha collaborato con nomi prestigiosi della world music italiana e straniera (C.Bueno, E.Ledda, D.Sepe, P.Vaillant, J.Kirkpatrick, J.Vali, M.Perrone, K.Junkera), del jazz (G.Mirabassi, G.Trovesi, M.P.De Vito, P.Leveratto) , del rock (Piero Pelù, PGR, Skiantos) fino alla grande canzone d’autore (F.De Andrè, I. Fossati, G.M.Testa, G.Gaber, C.Donà, Tosca….).

Leader di Banditaliana e componente dei Samurai, quintetto di all stars dell’ organetto europeo, ha suonato nei più importanti festival folk & jazz europei con frequenti tournée in Australia, Canada e Giappone.

Nel 2014 ha curato la nuova edizione di Bella Ciao per festeggiare i 50 anni dello spettacolo più importante della storia del folk italiano. Ha registrato 24 album a suo nome, ha composto musica per cinema e teatro e si è a lungo occupato di didattica come docente del Conservatorio di Catanzaro.