Imprese; alla scoperta delle eccellenze del made in Forlì

130

È la volta di Gamma Arredamenti, leader nell’esportazione di imbottiti e lavorazione di prodotti in pelle di altissima qualità

FORLÌ – “Ricerca e innovazione, senza mai dimenticare i valori della tradizione. Visione limpida del presente e sguardo rivolto al futuro. Così Gamma concretizza ogni giorno il suo amore per il design, la spiccata personalità e l’eleganza intrinseca di ogni singolo elemento”
È questa la filosofia di Gabriele Ghetti, Amministratore Delegato di Gamma S.p.A. e di Carla Botti, socia e CFO dell’azienda, associati a CNA Forlì-Cesena, che nei giorni scorsi hanno accolto nei propri spazi il Sindaco di Forlì, Gian Luca Zattini e l’Ass.re alle imprese, Paola Casara.

Nata nel 1974 e vocata alla lavorazione della pelle e alle sue declinazioni nel leaving e nella zona notte, Gamma Arrendenti si sviluppa su una superficie di circa 12 mila mq, include un hub tecnico, l’area magazzini, il reparto produttivo e lo splendido showroom. In tutto, più di un centinaio di dipendenti, una rete consolidata di manager esteri e tre laboratori esterni. Un connubio tra tecnologia, specializzazione del personale, internazionalizzazione, fidelizzazione della clientela e artigianato di qualità.

Le parole del Sindaco Zattini: “nella lavorazione dei suoi prodotti si riconosce l’attenzione per i particolari, la cura delle rifiniture e la ricerca dei materiali. Gamma non è solo un’azienda attenta alle tendenze, alle evoluzioni della moda e alla selezione delle materie prime, ma è anche un’esperienza imprenditoriale ancorata alla propria identità, svincolata dalla pressione dei prezzi e proiettata nella ricerca di nuovi mercati.”

“Confrontandoci con la direzione di Gamma abbiamo condiviso la necessità di lavorare sulla definizione e il potenziamento di percorsi di formazione per la creazione di figure professionali che possano andare a ricoprire ruoli chiave in questo settore” – aggiunge l’Ass.re Casara – “la connessione con la scuola, la formazione di nuove figure professionali e la conoscenza della domanda di mercato sono la chiave di volta per garantire uno sviluppo omogeneo del nostro territorio”.