Il sindaco di Modena incontra la nuova dirigente della Polizia locale

31

Annalisa Giunti prenderà servizio l’1 giugno. A lei la responsabilità della Protezione civile

MODENA – Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha dato il benvenuto alla nuova dirigente della Polizia locale di Modena, Annalisa Giunti, alla quale saranno anche assegnate responsabilità in materia di Protezione civile.

“Un tassello importante, che siamo contenti sia andato a buon fine, per il potenziamento dell’organico del Corpo su cui ci siamo impegnati ad investire nell’ambito di un piano più ampio per migliorare le condizioni di sicurezza della città”, ha affermato il sindaco che ha incontrato in Municipio la nuova dirigente accompagnata dalla comandante Valeria Meloncelli.

“Perché se è vero – ha continuato Muzzarelli – che gli ultimi mesi hanno visto i nostri agenti impegnati in modo straordinario sul fronte del contenimento della diffusione del virus, in questa nuova fase, pur mantenendo alta l’attenzione per il rispetto delle misure anti-Covid, si ripropongono con forza una serie di questioni su cui il ruolo della Polizia locale è determinante: dalla sicurezza stradale alla sicurezza urbana con un’attenzione particolare anche alla Protezione civile, in considerazione della fragilità del nostro territorio e in particolare del nodo idraulico, per la messa in sicurezza del quale occorre continuare ad investire”.

La nuova dirigente, che ha 53 anni, due figli e una lunga carriera nella Polizia locale che l’ha portata a ricoprire anche il ruolo di funzionario a Pistoia dove le è stato assegnato l’incarico di comandante ad interim, prenderà servizio a Modena dall’1 giungo come dirigente responsabile del Servizio Amministrativo e Protezione Civile della Polizia Locale e facente funzione vicaria della comandante Valeria Meloncelli.

Giunti è stata selezionata attraverso un bando pubblico nell’ambito del potenziamento dell’organico della Polizia locale, in funzione del quale è stata anche ampliata la dotazione organica del Corpo da 220 a 226 unità, prevedendo inoltre l’assunzione di tre operatori dal corso-concorso della Regione Emilia-Romagna, non appena terminate le procedure concorsuali.

Sono invece già entrati in servizio 25 dei 26 nuovi agenti selezionati attraverso concorso. Dopo quelli giunti a inizio maggio, compatibilmente con le disposizioni per l’emergenza sanitaria, nei giorni scorsi il sindaco ha salutato e augurato buon lavoro anche agli altri che hanno preso servizio. A giugno, quando tutti avranno terminato l’affiancamento a due ispettori esperti, potranno frequentare presso la Scuola interregionale di Polizia locale il corso che li abiliterà allo svolgimento delle loro funzioni. I 26 nuovi agenti, 16 uomini e 10 donne, tutti entro i 32 anni d’età, vengono assunti con un contratto di formazione e lavoro della durata di 12 mesi che potrà essere trasformato in contratto a tempo indeterminato. Inoltre, resta valida per due anni la graduatoria del concorso a cui, in caso di bisogno, il Comune potrà ricorrere.