Il saluto del vicesindaco Marco Bosi a bambini ed educatori del progetto “Spazio al gesto”

PARMA –  Il vicesindaco con delega allo sport, Marco Bosi, ha portato il saluto dell’Amministrazione in occasione delle attività che si sono svolte ieri mattina nell’ambito del progetto, “Spazio al gesto”, promosso da Sestero onlus ed Assessorato allo Sport del Comune di Parma con l’obiettivo di proporre un’esperienza sensoriale ai bambini con disabilità visiva. Si tratta di un progetto di promozione e introduzione all’attività sportiva per giovani con disabilità sensoriale sotto la guida di Daniele Cassioli, giovane non vedente campione mondiale di sci nautico, e Cecilia Camellini, giovane non vedente campionessa mondiale e paralimpica di nuoto. La mattinata a Moletolo ha visto il coinvolgimento di diversi bambini, che sono stati impegnati in attività di atletica al PalaPonti. Alla giornata hanno preso parte 15 istruttori di Giocampus Insieme. L’idea di un progetto dedicato ai bambini con disabilità visiva è nata lo scorso novembre in occasione della presentazione a Parma del libro “Il vento contro” di Daniele Cassioli, in quell’occasione l’autore conobbe un bambino ipovedente della scuola di Porporano ed un giovane del Melloni; da lì, ed anche grazie al coinvolgimento di Clotilde Putti, è nata l’idea di proporre un percorso dedicato ai giovani con disabilità visiva.

“Come Giocampus – spiega Elio Volta, coordinatore del progetto – siamo convinti del fatto che tramite le giuste proposte e i corretti adattamenti, tutti i bambini/ragazzi debbano e possano giocare insieme traendo reciprocamente vantaggio e spunti di crescita personale dalle dinamiche di gruppo. Lo staff di Giocampus Insieme – il progetto di inclusione per i ragazzi in difficoltà presente in tutte le scuole primarie del Comune di Parma – ha il piacere di iniziare oggi una collaborazione tecnica e personale con Daniele Cassioli e i suoi collaboratori, attraverso un reciproco scambio di competenze e passioni che, speriamo, possa avvicinare sempre di più i bambini non vedenti all’attività sportiva e, più in generale, al movimento.”

Marco Bosi, vicesindaco con delega allo sport del Comune di Parma, ha dichiarato: “Non è la prima volta che Cassioli viene a Parma, ma questa volta si passerà dalle parole ai fatti. Infatti dopo alcuni incontri nelle scuole, Daniele cercherà di coinvolgere ragazzi con disabilità visiva nell’avviamento allo sport. Parma è sempre stata una città all’avanguardia per quanto riguarda l’offerta sportiva, con esperienze decennali nel mondo delle disabilità. Ora auspichiamo che da oggi possa nascere un nuovo gruppo di sportivi che, grazie all’esempio di Cassioli, inizino a praticare sport. Daniele è un campione vero, non tanto per i titoli mondiali conquistati, ma per l’esempio straordinario che dà in ogni attività della sua vita, dimostrando come i limiti possano essere superati e come lo sport possa essere un mezzo potentissimo per mettersi in discussione, crescere e migliorare. Come amministrazione abbiamo sempre parlato di “diritto allo sport” mettendo in campo tante progetti con questo obiettivo. E se è un diritto deve esserlo per tutti.”